Cronaca / Nera

Commenta Stampa

L'uomo aveva precedenti per rapina e lesioni

Pluripregiudicato ucciso alla Sanità

Nacarlo non era legato ad alcun clan

.

Pluripregiudicato ucciso alla Sanità
29/04/2013, 09:23

NAPOLI - Ha tutte le modalità dell'agguato di camorra l'omicidio la notte tra sabato e domenica di Giuseppe Nacarlo, 28 anni, pluripregiudicato per rapina e lesioni. L'uomo era a bordo di un'auto parcheggiata in piazza Sanità, quando è stato avvicinato dai killer che gli hanno esploso contro diversi colpi di pistola che lo hanno centrato alla testa al torace e ad una mano. Nacarlo è stramazzato a terra ed è stato soccorso da sconosciti che lo hanno accompagnato all'ospedale Vecchio Pellegrini, dove è morto poco dopo il ricovero. Sul posto gli uomini della Questura di Napoli  che stanno indagando per venire a capo della brutale esecuzione. Gli investigatori della Squadra Mobile  hanno trovato quattro bossoli di una pistola semiautomatica e stanno ricostruendo le fasi del delitto, avvenuto intorno alle 3. Secondo le prime ricostruzioni, Nacarlo era a bordo di una "Smart" nella zona di piazza Sanità. Non è ancora chiaro se l'auto stava camminando a bassa velocità o, come riferito da fonti investigative in un primo momento, era parcheggiata nella stessa piazza. I killer si sono avvicinati e hanno sparato facendo perdere subito le loro tracce. Non risulta legato a organizzazioni malavitose Giuseppe Nacarlo, a suo carico c'é una denuncia per rapina e lesioni che però risale a diversi anni fa. Gli investigatori stanno indagando comunque a tutto campo per stabilire innanzitutto la modalità dell'agguato e poi per capire in quale ambiente sia maturato. Le indagini, però,  si presentano complesse perché nella zona dove é avvenuto l'agguato non c'é alcun sistema di videosorveglianza.

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©