Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Poggioreale, scoperto deposito di armi e munizioni


Poggioreale, scoperto deposito di armi e munizioni
21/10/2011, 17:10

Ieri sera, gli agenti del Commissariato di Polizia “Poggioreale”, hanno rinvenuto e sequestrato in uno stabile di Via Miccoli nel Rione Sant’Alfonso, due rivoltelle ed una pistola, alcuni proiettili ed alcuni accessori.



Il rinvenimento delle armi, è stato il frutto di un’operazione di polizia susseguente alle indagini scaturite dal sequestro di sostanze stupefacenti e di munizionamento per armi comuni da sparo effettuato lo scorso 22 luglio nella stessa Via.



Una serrata attività investigativa, con osservazioni, appostamenti e controlli dei pregiudicati della zona, ha portato i poliziotti di Poggioreale ad individuare nello stabile di Via Miccoli, un insolito viavai di giovani del posto.



Una più attenta verifica ha portato gli agenti a scoprire che questi ultimi usavano recarsi nell’attico dello stesso stabile del rinvenimento del 22 luglio.



Ieri sera i poliziotti hanno quindi deciso di intervenire. Giunti all’ultimo piano hanno trovato la porta del terrazzo chiusa che è stata aperta dall’esterno solo dopo alcuni minuti.



Sul posto sono stati trovati ed identificati 4 giovani nessuno dei quali residenti nell’edificio ma tutti con precedenti di polizia. Tutta l’area del terrazzo, quanto gli stessi ragazzi, sono stati perquisiti.



A questo punto è iniziata la perquisizione dell’intero stabile, esaminando con attenzione tutti i vani, le cassette di derivazione ed i vani delle ascensori. In uno di questi due, al pian terreno, sono state quindi trovate una revolver Smith & Wesson cal. 38 con 6 proiettili risultata rapinata ad una guardia particolare giurata il 1° agosto 2008, una pistola Beretta 92 FS cal. 9 para bellum con 8 proiettili, una Derringer cal. 22 a due colpi, un silenziatore in acciaio, 8 proiettili cal. 45, 3 bossoli cal. 38, un caricatore a banana, un passamontagna ed un bilancino elettronico di precisione.



Le armi e gli altri oggetti rinvenuti verranno ora sottoposti a perizie balistiche ed a rilievi per l’individuazione di eventuali impronte in modo da poter stabilire se sono stati utilizzati per attività delittuose.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©