Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

2 auto, 6 appartamenti, 2 conti bancari ed 1 postale

Polizia sequestra 5 milioni al clan Gionta


Polizia sequestra 5 milioni al clan Gionta
09/08/2009, 12:08

Nell’ ambito di una complessa attività di indagine di natura patrimoniale, tesa all’aggressione dei patrimoni di mafia, gli agenti della Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali della Questura di Napoli e gli agenti del Commissariato di Polizia di Torre Annunziata, hanno eseguito i decreti di sequestro emessi dal locale Tribunale sezione Misure di Prevenzione nei confronti dei seguenti personaggi, elementi di spicco del sodalizio camorristico GIONTA, storica e potente organizzazione egemone nel Comune di Torre Annunziata:
1) Agretti Aldo, nato a Torre Annunziata il 05.04.71
2) Di Ronza Gaetano , nato a Castellammare di Stabia il 29.05.74 ;
3) Chierchia Giuseppe, nato a Torre Annunziata il 10.10.66

I decreti di sequestro dei beni, sul territorio del Comune di Torre Annunziata, sono stati emessi dall’ A.G. su proposte del Questore di Napoli, finalizzate all’applicazione nei confronti dei tre soggetti, della misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale della P.S. e patrimoniale del sequestro di beni.
I decreti di sequestro hanno interessato alcuni beni, ancora sottoposti al sequestro preventivo di cui al decreto emesso nell’ ottobre 2008 dall’ Ufficio del Gip presso il Tribunale di Napoli, ed altri che invece erano stati dissequestrati nei mesi scorsi in esecuzione di pronunzie del Tribunale del Riesame di Napoli.
Agretti Aldo, è detenuto dal 4 novembre del 2008 in quanto destinatario dell’ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dall’ Ufficio del GIP presso il Tribunale di Napoli, nell’ ambito del procedimento a carico di Gionta Valentino + 92
Di Ronza Gaetano, è in atto latitante, in quanto sottrattosi all’ esecuzione dell’ OOCC a carico di Gionta Valentino + 92.
Chierchia Giuseppe è elemento di vertice del gruppo camorristico omonimo operante in Torre Annunziata nel settore del traffico di stupefacenti, inserito nel sodalizio egemone dei Gionta.



I beni sottoposti a sequestro :
- nr.06 appartamenti ubicati in Torre Annunziata, dei quali uno avente arredamenti di lusso ed altro con vista panoramica sul mare ;
- una rimessa magazzino per una quadratura di circa 200mq.;
- la totalità dei beni aziendali di un’ impresa individuale esercente l’ attività di commercio al dettaglio di carni, con punto vendita nel pieno centro di Torre Annunziata.
- 2 autovetture ed 1 motociclo
- 2 conti correnti bancari
- in libretto di deposito postale.
Il valore dei beni sequestrati ammonta a 5 milioni di euro




Nell’ ambito di tale attività di indagine di natura patrimoniale, gli agenti della sezione Misure Patrimoniali della Questura di Napoli, hanno altresì dato esecuzione al decreto di sequestro di immobile di 110 mq del valore di 150.000 euro nel Comune di Sant’ Anastasia nei confronti di Panico Antonio e della moglie Piccolo Concetta entrambi attualmente detenuti.
Panico Antonio, risulta a capo dell’ omonima organizzazione camorristica “clan Panico- Perillo” operante nelle zone di Sant’ Anastasia e la moglie Piccolo Concetta, è figura di assoluto vertice del predetto sodalizio camorristico.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©