Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Poliziotti aggrediti durante posto di blocco, denunciata un'intera famiglia


Poliziotti aggrediti durante posto di blocco, denunciata un'intera famiglia
10/02/2010, 11:02


NAPOLI - Gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Campania, nell’ambito dei normali controlli del territorio, hanno denunciato in stato di libertà, un intero nucleo familiare composto da madre, padre e due figli. Quello che era un normale controllo di routine, si è trasformato in un’aggressione ai poliziotti. Gli agenti, infatti, in Via Vicinale Santa Maria del Pianto, detta Via Claudio Miccoli, ove è ubicato il rione S. Alfonso, hanno fermato un’autovettura, del tipo Fiat Punto, a bordo della quale vi erano due fratelli di 21 e 23 anni. I due giovani, da subito, hanno mostrato segni d’insofferenza al controllo di Polizia, in quanto l’auto era priva di copertura assicurativa. Gli agenti, accertata la violazione, a causa della pioggia battente, sono entrati nell’auto di servizio per redigere il verbale di contestazione. Pochi attimi più tardi, sono stati raggiunti dai genitori dei due contravventori che, dopo aver notato dal balcone della loro abitazione il controllo della Polizia, sono scesi in strada. L’intero nucleo familiare, approfittando della superiorità numerica, ha dapprima inveito verbalmente contro i poliziotti, colpevoli di svolgere il proprio lavoro, per poi passare ai fatti, con spintoni e pugni. I due genitori, urlando, hanno incitato i loro figli a fuggire, attirando così l’attenzione di altri abitanti del rione, che non hanno esitato a lanciare dai balconi oggetti vari. Immediato l’allarme scattato alla sala operativa della Questura, che ha provveduto ad inviare sul posto altre pattuglie. I due genitori, entrambi con pregiudizi di Polizia, sono stati denunciati in stato di libertà perché responsabili, in concorso tra loro, dei reati di resistenza e lesioni a P.U. nonché danneggiamento di beni della P.A., mentre i loro figli, riusciti a dileguarsi, sono stati denunciati, in stato irreperibilità, per i medesimi reati. L’autovettura Fiat Punto è stata sottoposta a sequestrato amministrativo e, poiché la madre dei due giovani, ha rifiutato il trasporto e la custodia del veicolo, le è stata ritirata la patente di guida, così come sono state ritirate le patenti di guida anche ai due figli. Due poliziotti sono ricorsi alle cure mediche, presso l’ospedale San Giovanni Bosco, per contusioni multiple, guaribili in 7 giorni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©