Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

La Fiat: "Privilegio per la Cgil, ci sono troppi dipendenti"

Pomigliano: assunti i 19 operai Fiom, ma sono in cassa integrazione


Pomigliano: assunti i 19 operai Fiom, ma sono in cassa integrazione
27/11/2012, 17:11

POMIGLIANO D'ARCO (NAPOLI) - Oggi i primi 19 operai della Fiom, assunti dopo la sentenza della Corte d'Appello di Roma che ha accusato la Fiat di condotte discriminatorie, hanno firmato per essere nuovamente assunti nell'impianto di Pomigliano D'Arco. Una firma non facile, dato che la Fiat sta cercando di mettere gli operai uno contro l 'altro, minacciando licenziamenti per fare spazio ai neoassunti. 
Si tratta del primo gruppo di un totale di quasi 150 operai che dovranno essere assunti a Pomigliano, come ordinato dal Tribunale. Ma il loro ingresso in azienda è posticipato al 10 dicembre: da 24 ore tutta la fabbrica è ferma per quarto periodo di due settimane di cassa integrazione negli ultimi quattro mesi. 
Ma la Fiat si lamenta per queste assunzioni. In una nota la società fa sapere che: "Dall'esecuzione della sentenza deriveranno alcune distorsioni. La Fiom ha inviato la lista dei suoi iscritti da cui selezionare le ulteriori 126 unità da assumere ai sensi della sentenza della Corte d'Appello di Roma del 19 ottobre scorso. Tale lista risulta composta da 109 persone sicuramente iscritte perché hanno richiesto all'azienda di operare la trattenuta della quota sindacale e altre 38 la cui effettiva iscrizione non è accertata, per un totale complessivo di 147 iscritti presunti. L'adempimento della decisione giudiziale determinerà pertanto l'assunzione in Fabbrica Italia Pomigliano del 100% degli iscritti Fiom attualmente in cassa integrazione straordinaria presso Fiat Group Automobiles, percentuali molto superiori a quelle di qualsiasi altra organizzazione sindacale... una posizione di privilegio che non ha alcuna ragionevolezza. Tali assunzioni, oltre a rappresentare un onere economico aggiuntivo, sono del tutto ingiustificate dal punto di vista gestionale: avvengono proprio in un periodo in cui l'attività produttiva dello stabilimento è sospesa e l'organico attuale è già sovradimensionato".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©