Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Al Lingotto non è stata digerita la vittoria stentata

Pomigliano, la Fiat minaccia: "Lavoreremo solo con chi ha aderito"


Pomigliano, la Fiat minaccia: 'Lavoreremo solo con chi ha aderito'
23/06/2010, 14:06

POMIGLIANO D'ARCO (NAPOLI) - Chiuse le urne a Pomigliano d'Arco, restano le reazioni alla vittoria del sì all'accordo imposto dalla Fiat ai lavoratori dello stabilimento Fiat. Reazioni che sono state tutt'altro che positive al Lingotto di Torino, dato che la vittoria (64% dei sì contro il 36% dei no) è stata considerata troppo risicata. Tanto è vero che a metà mattinata è stato emesso un comunicato, nel quale l'azienda divide gli operai in buoni e cattivi: "L'azienda lavorerà con le parti sindacali che si sono assunte la responsabilità dell'accordo al fine di individuare ed attuare insieme le condizioni di governabilità necessarie per la realizzazione di progetti futuri. La Fiat ha preso atto della impossibilità di trovare condivisione da parte di chi sta ostacolando, con argomentazioni dal nostro punto di vista pretestuose, il piano per il rilancio di Pomigliano". In altri termini, la richiesta della Fiom di aprire un tavolo di trattative sul futuro di Pomigliano - tavolo che finora non c'è mai stato, perchè ci sono stati solo i diktat della Fiat - è stata respinta. La Fiat intende dialogare solo con quei sindacati che già hanno mostrato il loro totale disinteresse per i lavoratori, accettando senza discutere le condizioni-capestro imposte dall'azienda.
Anche in Borsa le cose non sono andate molto bene, con il titolo che questa mattina ha perso parecchio, per poi stabilizzarsi ad una perdita intorno all'1%

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©