Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'incidente avvenuto il 6 novembre scorso

Pompei: 9 avvisi di garanzia per il crollo della Schola Gladiatorum

Sotto accusa la mancata vigilanza e il restauro

Pompei: 9 avvisi di garanzia per il crollo della Schola Gladiatorum
16/12/2010, 17:12

TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI) - Comincia a muoversi anche la magistratura, sulla vicenda dei crolli avvenuti nel sito archeologico di Pompei negli ultimi due mesi. E così la Procura di Torre Annunziata, in provincia di Napoli, competente per territorio, ha emesso nove avvisi di garanzia per altrettante persone tutte incaricate dei lavori di recupero dei tesori archeologici lì custoditi: chi come progettista, chi come direttore chi come esecutore.
Non c'è ancora l'elenco completo, ma alcuni dei nomi sono noti: Il direttore dello scavo Varone, il direttore dei lavori Capaccio, l'ex Soprintendente Guzzo, l'architetto Rispoli, il geometra Borrelli. Per tutti l'accusa è di crollo colposo, che tuttavia rimane un reato inadeguato, rispetto alla gravità di quanto è successo.
Il crollo colposo è un reato pensatio per il crollo di un muretto o magari di un'abitazione abbandonata, non un monumento archeologico.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©