Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

25enne finisce nel fiume con 2 amiche

Pompei, alla guida con tasso alcolemico oltre 3 volte il limite consentito

Ragazze salvate dai carabinieri

Pompei, alla guida con tasso alcolemico oltre 3 volte il limite consentito
15/11/2013, 10:04

POMPEI - Una 25enne di torre annunziata che questa notte stava percorrendo via Ripuaria di Pompei alla guida della sua Citroen C1 ha perso il controllo del veicolo finendo in un canale del fiume Sarno insieme a 2 sue amiche trasportate sulla vettura, una 22enne e una 21enne di Scafati (Sa).
L’equipaggio di una gazzella dell’aliquota radiomobile di Torre Annunziata e’ subito intervenuto su richiesta al 112 avanzata da un cittadino che aveva sentito grida d’aiuto provenire dal fiume.
Sul posto i militari dell’arma hanno appurato che le 3 ragazze erano riuscite a malapena a uscire dall’abitacolo dal finestrino mentre l’auto affondava rimanendo in acqua, aggrappate alla fitta vegetazione.
Scendendo lungo l’argine scosceso e scivoloso i primi carabinieri intervenuti hanno raggiunto due delle malcapitate mettendole in salvo mentre per tirare fuori la terza ragazza hanno dovuto formare una catena umana di 4 militari (insieme a 2 colleghi nel frattempo sopraggiunti) riuscendo solo così a raggiungerla mentre veniva trasportata dalla corrente.
Le tre ragazze sono state visitate da personale del 118 intervenuto sul posto e trasportate in stato di shock all’ospedale di Castellammare di Stabia, ove sono state ricoverate in osservazione.
Nel corso dei primi rilievi e accertamenti effettuati sul posto e’ emerso che l’incidente e’ accaduto verosimilmente a causa della velocità non commisurata al fondo stradale e dello stato di ebbrezza alcolico della conducente (1,83 g/l contro un massimo ammesso di 0,50).
La giovane e’ stata denunciata per guida in stato di ebbrezza. La C1 finita nel fiume, che e’ stata successivamente recuperata da una squadra di vigili del fuoco di torre del greco e di sommozzatori di Napoli, e’ stata sottoposta a sequestro.
Nelle fasi concitate dell’intervento un brigadiere si e’ procurato distorsione al ginocchio guaribile in 10 giorni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©