Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La Politica ha responsabilità che Bondi non può sottrarsi

Pompei: Bonelli (Verdi), necessario un piano straordinario per i beni culturali


Pompei: Bonelli (Verdi), necessario un piano straordinario per i beni culturali
08/11/2010, 14:11

"E' necessario un piano straordinario per la tutela dei beni architettonici, culturali e storici italiani. E' inaccettabile che nel nostro paese, dove si concentra la gran parte delle ricchezza storico artistiche del Pianeta, i monumenti siano abbandonati a se stessi". Lo dichiara il presidente nazionale dei Verdi per la Costituente ecologista Angelo Bonelli che aggiunge: "Quello che è accaduto a Pompei alla Domus Gladiatori è lo specchio di come vengono gestiti i beni culturali in Italia. E' evidente che la politica con la sua negligenza ha delle responsabilità enormi e quindi in ministro Bondi dovrebbe trarne le conclusioni".

"Compito della politica deve essere quello di scegliere le priorità e indicare le risorse per affrontarle - spiega il leader ecologista -. Noi Verdi proponiamo di tagliare le spese militari italiane ormai insostenibili (oltre 40 miliardi di euro) e di rinunciare al Ponte sullo Stretto di Messina, 8 miliardi di euro letteralmente gettati a mare e di assegnare risorse per un grande piano di tutela del patrimonio artistico-storico-architettonico e per la messa in sicurezza del territorio di un paese che letteralmente cade a pezzi".

"Siamo convinti che il rilancio economico, occupazionale e civile del Paese passa anche da una cultura della conservazione dei gioielli naturali che sono un volano turistico per tutto il mondo e per una cultura e una cura del territorio che deve essere salvato dal dissesto idrogeologico - conclude Bonelli -. Non sarebbe fuori luogo che il Tesoro emettesse dei Buoni ordinari con l'unico scopo preservare e curare l'enorme ricchezza che la storia e la cultura hanno lasciato in eredità all'Italia - conclude Bonelli -. Anche da questo passa la rinascita civile ed economica e la modernizzazione dell'Italia".

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©