Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ponticelli, scoperto con moto appena rubata: in manette dopo rocambolesco inseguimento


Ponticelli, scoperto con moto appena rubata: in manette dopo rocambolesco inseguimento
05/05/2011, 11:05

Ieri pomeriggio, gli agenti del Commissariato di Polizia “Ponticelli”, hanno arrestato un 42enne napoletano del Rione Incis, per furto aggravato in concorso con un’altra persona in via di identificazione. I fatti hanno avuto inizio in Via Fratelli Grimm, dove i poliziotti hanno sorpreso l'uomo in sella ad un motociclo Yamaha mentre veniva spinto col piede da un suo conoscente in sella ad una Honda SH. Il modo in cui stavano procedendo ed il fatto che pochi attimi prima era stato segnalato dalla Centrale Operativa della Questura un furto di un motociclo in Via Hemingway da parte di due giovani in sella ad un Honda SH, hanno convinto i poliziotti a porsi all’inseguimento dei due per fermarli e controllarli. Questi ultimi, appena si sono resi conto di avere un’auto della Polizia alle calcagna, si sono separati. Il complice del 42enne ha quindi tolto il piede dall’altro motociclo e si è allontanato a tutta velocità. Rimasto senza spinta, il 42enne ha lasciato cadere a terra la Yamaha ostruendo la strada ai poliziotti in modo da facilitare la fuga del complice e si è poi dato anche lui alla fuga.  I poliziotti lo hanno quindi inseguito fino a raggiungerlo all’altezza di un vicino parco dove lo hanno bloccato, arrestato e subito condotto presso gli uffici del Commissariato. Contemporaneamente, altri agenti hanno contattato il proprietario della moto rubata e lo hanno condotto sul luogo dell’avvenuto arresto dove il ragazzo, un 29enne di Napoli, l’ha subito riconosciuta. Il giovane aveva parcheggiato la sua Yamaha vicino all’Ufficio Postale di Via Hemingway e dopo essersi accorto del furto, grazie al suono dell’allarme, aveva prontamente avvisato il 113. Successivamente si è recato presso gli uffici del Commissariato dove ha sporto denuncia di furto. il 42enne del luogo sarà giudicato in mattinata con rito direttissimo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©