Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Gli ispettori:"Sospeso perchè incapace di insegnare"

Pordenone: maestro campano parla in dialetto, licenziato


Pordenone: maestro campano parla in dialetto, licenziato
11/03/2010, 17:03

PORDENONE – Negli ultimi mesi si è discusso tanto della presunta importanza di insegnare il dialetto nelle scuole e, proprio oggi, arriva la notizia che un supplente 40enne che insegnava in una scuola elementare di Pordenone, è stato licenziato. La causa “ufficiale” sarebbe rappresentata da una “manifesta incapacità didattica” appurata dalla visita ispettiva arrivata in seguito alla segnalazione di due genitori. A confermare l’ipotesi di incompetenza professionale sono il responsabile Centro Servizi Amministrativi di Pordenone Stefano Caravelli ed il responsabile della FLC Cgil Adriano Zonta. Per entrambi, infatti, il professore è stato sollevato non perché ha abusato di espressioni in gergo dialettale ma perché inadatto a svolgere al meglio il suo lavoro.
Eppure, la segnalazione, è partita proprio da due genitori che avevo accolto le lamentele dei bimbi, i quali, in più occasioni, avrebbero lamentato l'incapacità di comprendere ciò che il loro maestro spiegava proprio a causa di una "lingua strana" parlata da quest'ultimo.
Su Italianews sono raccolte le dichiarazioni del responsabile degli enti locali della Lega Nord di Pordenone Claudio Serafini:"Non abbiamo niente in contrario al fatto che vengano qua ad insegnare, ma se devono parlare in dialetto lo facciano a casa"

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©