Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Porti, inchiesta a Napoli: indagato il presidente dell'autorità portuale


Porti, inchiesta a Napoli: indagato il presidente dell'autorità portuale
21/05/2011, 13:05

Un avviso di proroga di indagini, firmato dal pm Francesco Curcio, è stato notificato al presidente dell'Autorità Portuale di Napoli ammiraglio Luciano Dassatti. L'inchiesta su cui la magistratura partenopea sta lavorando riguarda presunti reati che vanno dal falso all'abuso d'ufficio. Le indagini sono scaturite da alcuni esposti presentati da imprenditori portuali e, successivamente, approfonditi nel corso di interrogatori. Le vicende oggetto d'indagini riguardano la ristrutturazione di immobili privati e presunti favoritismi nei confronti di alcune aziende a danno di altre, e alla riscossione dei diritti d'approdo e degli oneri concessori. L'ammiraglio Dassatti fu nominato commissario dell'Autorità Portuale di Napoli nel dicembre del 2008 e dal 2009 ricopre la carica di presidente.

"Se ci sono delle denunce è giusto che si indaghi per accertare la verità". Così l'ammiraglio Luciano Dassatti, presidente dell'Autorità Portuale di Napoli, commenta l'avviso di proroga di indagini nei suoi confronti per ipotesi di reato che vanno dal falso all'abuso d'ufficio. "Credo si tratti di faccende riferite a un periodo antecedente alla mia venuta a Napoli - ha proseguito Dassatti, che attualmente si trova all'estero - comunque, quando ci sono questioni del genere è giusto che la giustizia faccia il suo corso, sia a tutela della struttura che del cittadino". "Ci sono denunce ma anche lettere anonime, che ho ricevuto e che considero a tutti gli effetti atti intimidatori", dice ancora Dassatti per il quale l'azione della magistratura competente "é giusta soprattutto perché volta a tutelare la verità e io mi sento tutelato". "Napoli merita anche questo - sottolinea il presidente Dassatti - anche se si tratta di cose che non fanno piacere perché distolgono dal lavoro: affronteremo anche questo sperando che la mia attività non ne risulti danneggiata". Dassatti, attualmente in viaggio all'estero, ha annunciato di rientrare a Napoli lunedì pomeriggio. "L'opinione pubblica ha diritto di essere informata e io ho il diritto difendermi - ha concluso Dassatti - Comunque sono tranquillo. Sono cose che succedono a chi gestisce la cosa pubblica".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©