Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Portici, cercano di rubare scooter all'interno della scuola: due arresti


Portici, cercano di rubare scooter all'interno della scuola: due arresti
17/05/2012, 11:05

I poliziotti del Commissariato di San Giorgio a Cremano, del Commissariato di Portici e gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno arrestato due 18enni, pregiudicati, per essersi resi responsabili, in concorso tra loro, del reato di furto aggravato e resistenza pubblico ufficiale.

Gli agenti, questa mattina a seguito di una telefonata giunta al 113 di richiesta di aiuto per un furto di un motorino nel cortile di un istituto scolastico, sono intervenuti in via Buongiovanni.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno notato i due giovani uscire velocemente dal cancello della scuola a bordo di uno scooter bianco.

I due giovani, avendo udito le sirene della Polizia che si avvicinavano alla scuola, vistisi sorpresi, hanno abbandonato a terra lo scooter appena rubato e saliti a bordo dello scooter bianco, con il quale avevano raggiunto la scuola, sono fuggiti velocemente.

I poliziotti hanno inseguito i due giovani in direzione di Portici.

Giunti nei pressi del cimitero di Portici, hanno notato lo scooter bianco parcheggiato all’ esterno ed hanno sorpreso i due mentre si dileguavano tra i visitatori del cimitero.

Pertanto li hanno raggiunti e bloccati poco dopo in via Cardano.

Gli agenti, inoltre hanno recuperato il casco che durante la fuga i due hanno gettato in un bidone della spazzatura all’ interno del cimitero per far perdere le proprie tracce ed hanno altresì recuperato, all’ interno dello scooter bianco, il cacciavite utilizzato per forzare il bloccasterzo.

I poliziotti hanno arrestato i due diciottenni che, al momento del furto sono stati ripresi anche dalle telecamere del sistema della videosorveglianza della scuola. Dai filmati estrapolati, gli agenti hanno accertato che i due giovani, prima ancora di impossessarsi dello scooter che poi hanno abbandonato alla vista della polizia, hanno tentato di rubare altri due motorini senza riuscirci, poiché provvisti del sistema bloccaruote.

Nella mattinata di domani, i due saranno giudicati con il rito per direttissima.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©