Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Portici, tre arresti per furto di energia elettrica


Portici, tre arresti per furto di energia elettrica
27/04/2012, 10:04

Questa mattina, gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza “Portici-Ercolano”, hanno arrestato un  59enne di Portici con precedenti penali e di polizia per reati contro il patrimonio e per associazione a delinquere, un  60enne di Portici, con precedenti penali e di polizia per reati inerenti le armi, associazione a delinquere e contrabbando di tabacchi lavorati esteri, e un 37enne anch’egli di Portici, tutti legati da vincoli di parentela, accusati di furto di energia elettrica in concorso.

Alle nove del mattino, i poliziotti, di concerto con personale della Polizia Locale del Comune di Portici, hanno operato un controllo di polizia amministrativa presso un parcheggio abusivo di Via Garibaldi. All’interno della vasta area, in parte utilizzata per l’autorimessa,  è stata trovata anche una struttura comprendente gli uffici per la gestione dell’attività e tre abitazioni successivamente attribuite ai nuclei familiari dei tre arrestati.

I fratelli   si sono quindi subito dichiarati responsabili della gestione del parcheggio abusivo per la quale attività la Polizia Locale sta ancora effettuando tutti gli accertamenti del caso.

Nel corso del controllo, i poliziotti si sono però accorti che dei quattro fabbricati solo uno era fornito di contatore Enel per la fornitura dell’energia elettrica. E’ stata quindi fatta intervenire una squadra operativa dell’Enel che ha accertato la presenza di una cosiddetta “montante parallela” ubicata dietro all’unico contatore elettrico che escludendo la lettura del consumo di energia elettrica, ne consentiva però la fruizione in frode all’Enel. Tutti e quattro i fabbricati, tanto gli uffici del parcheggio, quanto le abitazioni dei tre nuclei familiari apparentati, avevano infatti un autonomo quadro elettrico.

I tre uomini sono stati pertanto arrestati e tradotti presso le proprie abitazioni in stato di detenzione domiciliare in attesa del processo con rito direttissimo che verrà celebrato domani presso il Tribunale di Napoli.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©