Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Porto di Salerno: sequestro di un escavatore di provenienza furtiva destinato all’esportazione in Iraq


Porto di Salerno: sequestro di un escavatore di provenienza furtiva destinato all’esportazione in Iraq
27/07/2012, 13:01

Nell’ambito dei quotidiani controlli effettuati sulle merci in transito al varco doganale, per essere successivamente imbarcate su nave con destinazione Paesi extracomunitari, i militari del 2° Nucleo Operativo del Gruppo Salerno hanno proceduto al controllo della macchina escavatrice “TERNA”, marca “NEW HOLLAND – B110 – 4PT”, trasportata su apposito rimorchio.

Il conducente ha esibito il c.d. “memorandum”, dal quale si è rilevato che l’escavatore era destinato per l’esportazione in Iraq, ad una ditta operante in quel Paese, ad opera  di una società con sede in Campania.

I preliminari accertamenti, effettuati mediante consultazione degli appositi archivi informatici, hanno consentito di appurare che l’escavatore era stato oggetto di denuncia di furto nell’ottobre 2008 e che, a tutt’oggi, non risulta essere stato restituito all’avente diritto.

 

Pertanto, in presenza di documentazione fiscale apparentemente regolare, dalla quale si sono rilevati i diversi  passaggi di proprietà e ritenendo necessari ulteriori approfondimenti investigativi, si è proceduto a rintracciare l’ultimo proprietario dell’escavatore risultante dagli atti esibiti, il quale ha dichiarato di averlo acquistato da una società dell’’hinterland napoletano.

I finanzieri hanno  proceduto, pertanto,  al sequestro d’iniziativa del mezzo, ai sensi dell’art. 354 C.P.P., e per gli effetti dell’art. 648 c.p. (ricettazione), considerata l’illecita provenienza della “TERNA”.  Denunciati 2 responsabili.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©