Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Positano, scoperta officina meccanica trasformata in parcheggio abusivo


Positano, scoperta officina meccanica trasformata in parcheggio abusivo
12/11/2010, 11:11


POSITANO (Sa) - Si presentano come comuni clienti e chiedono di parcheggiare l’auto. Inizia così l’attività dei verificatori dell’Agenzia delle Entrate nei confronti di una “officina meccanica” nel cuore di Positano, che porta all’accertamento di maggiori ricavi per oltre 145mila euro e si conclude con adesione da parte del contribuente. All’interno della ditta, “esercente riparazioni meccaniche di autoveicoli”, i funzionari dell’Ufficio Controlli della Direzione provinciale di Salerno, riscontrano una molteplicità di attività commerciali: un distributore di carburante, uno spazio adibito a officina per piccole riparazioni di autovetture, distributori di bibite e snack vari, affiancati dalla vendita di piccoli souvenir. Tra di esse, l’attività prevalente risulta quella di autorimessa – con servizio 24h notturno e diurno - con pagamento a ore. È quindi sull’attività di garage che si concentra il controllo. Nel corso della verifica, gli 007 del fisco ricostruiscono i dati rilevanti dell’esercizio. Attraverso un accertamento contabile di tipo induttivo, viene constatata l’esistenza di un servizio di parcheggio con abbonamenti annuali e parziali (abbonamenti cosiddetti “estivi”), cui si aggiunge il servizio di autorimessa con sosta oraria. In due diversi accessi, i funzionari delle Entrate effettuano la rilevazione delle autovetture in sosta nei periodi di “alta e bassa stagione”, determinando così la “giacenza media” dei veicoli nel Parking durante tutto l’anno. “L’adesione da parte del contribuente - dichiara il Direttore regionale Enrico Sangermano - testimonia la qualità dell’operato dei nostri funzionari. Quando l’attività di controllo è incisiva, ma corretta e trasparente, viene riconosciuta legittima dalla parte che comprende le ragioni dell’Amministrazione e si convince a pagare quanto dovuto”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©