Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Poste a rischio nel Cilento, lettera di Iannuzzi


Poste a rischio nel Cilento, lettera di Iannuzzi
10/01/2010, 10:01


CAMEROTA. Uffici postali a rischio nel Cilento, il parlamentare del Pd Tino Iannuzzi scrive alla dirigenza di Poste Italiane. «Ho preso contatti con la dirigenza delle Poste a livello nazionale, regionale e per le filiali di Salerno e Sala Consilina, nonché con il ministero per lo Sviluppo Economico ed il Prefetto di Salerno - ha dichiarato Iannuzzi durante un incontro organizzato dal Partito democratico a Camerota - per sollecitare il ritiro o la profonda modifica del provvedimento, con il quale Poste Italiane ha disposto la chiusura parziale ed il ridimensionamento di ben 12 uffici postali in comuni del Cilento e del Vallo di Diano».  Tra gli uffici a rischio anche quello della frazione Lentiscosa del comune di Camerota. «Si tratta di un provvedimento ingiustificato e fortemente negativo per quelle comunitá - ha spiegato Iannuzzi - adottato senza il benché minimo e doveroso confronto con gli enti locali interessati, con una decisione unilaterale di Poste Italiane». Per Iannuzzi è, invece, necessario un "tavolo" urgente «per la discussione e la valutazione approfondita delle situazioni e delle conseguenze così negative per le popolazioni interessate, che subirebbero la pesante riduzione ed il forte depauperamento del servizio postale». «La misura - ha spiegato il deputato cilentano - colpisce le piccole comunitá, laddove il Parlamento cerca invece di tutelare i piccoli Comuni. E’ positivo ed utile l’incontro che il prefetto di Salerno ha fissato con una iniziativa meritoria e tempestiva per domani fra Poste Italiane ed i sindaci dei Comuni interessati, proprio per avere finalmente una sede istituzionale, nella quale i Comuni coinvolti dal provvedimento potranno esporre e far valere le ragioni dei propri territori, che sono tutte dirette a salvaguardare la conservazione di un servizio pubblico essenziale, come quello postale, nell’interesse generale delle comunitá amministrate». I 12 uffici sono nei comuni di Vallo della Lucania, Pisciotta, Laurito, Teggiano, Palomonte, Moio della Civitella, Casalvelino, Pollica, San Giovanni a Piro, Camerota e Santa Marina.

Commenta Stampa
di V.R.
Riproduzione riservata ©