Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Pozzuoli, ucraina violentata per tutta la notte: 2 fermi


Pozzuoli, ucraina violentata per tutta la notte: 2 fermi
09/05/2011, 11:05

E’ stato dapprima sottoposto a fermo di P.G., dagli agenti del Commissariato di P.S. “Pozzuoli”, perché responsabile, in concorso con un amico, del reato di violenza sessuale, sequestro di persona e rapina aggravata, nei confronti di una cittadina ucraina e, successivamente arrestato perché destinatario di un mandato di arresto europeo per il reato di furto aggravato, per il quale dovrà scontare 4 anni e 6 mesi di reclusione.

un uomo di  38 anni eun uomo di 21 anni, il 2 maggio scorso, dopo aver trascorso una serata a casa di un’amica, in un’abitazione di Licola Mare, hanno abusato di una cittadina ucraina. La vittima, ospite della padrona di casa, era ritornata in Italia da 4 giorni.  Al termine della cena, l’ucraina manifestava la volontà di andar via, ma veniva dapprima malmenata dall’amica e successivamente dai due.

I due uomini, oltre ad impossessarsi della macchina fotografica, di un mp3 e dei documenti relativi al rinnovo del permesso di soggiorno, pretendevano di avere un rapporto sessuale. Così dopo averla malmenata, abusavano di lei per ore.

Solo l’indomani, quando i due lasciavano l’abitazione, la vittima riusciva a fuggire chiamando il 113 e recandosi, con il volto tumefatto e sanguinante, al Commissariato di P.S. Pozzuoli dove raccontava la sua triste vicenda. I poliziotti richiedevano l’intervento di personale del 118 che provvedeva al trasporto in ospedale con conseguente ricovero della donna.

Gli agenti hanno tempestivamente identificato e sottoposto a fermo di P.G. i due cittadini romeni, perché responsabili dei reati di violenza sessuale, sequestro di persona e rapina aggravata, denunciando in stato di libertà l’amica, per il reato di lesioni personali aggravate.

Successivamente alla convalida del fermo dei due, i poliziotti hanno arrestato il 24enne perché destinatario di un mandato di arresto europeo e di estradizione delle Autorità romene.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©