Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il manager di Deutsche Bank Italia è stato arrestato

Pracca nei guai, aveva fatto rapire una escort per farla abortire


Pracca nei guai, aveva fatto rapire una escort per farla abortire
24/01/2012, 18:01

MILANO – Marco Pracca, il 58 enne manager di Deutsche Bank Italia è stato arrestato per aver rapito, tenuto in ostaggio e tentato di far abortire  una escort al settimo mese di gravidanza. Con lui sono finiti in manette anche altri quattro uomini assoldati dal  manager per portare a compimento il piano: tre esecutori materiali e un quarto considerato intermediario. Per tutti l’accusa è di sequestro di persona a scopo di estorsione.

Con la donna, una 29 enne, Pracca aveva una relazione da tempo. La gravidanza non è, però, mai stata accettata: da lei un figlio proprio non lo voleva.

Il sequestro risale al 6 marzo scorso: la donna fu prelevata dall'auto alle otto di sera all'ingresso del box dell'abitazione del 58enne in zona San Siro, dove si era trasferita perché spaventata da una rapina subita nel dicembre precedente. Fu portata da tre uomini, coperti da passamontagna, in una casa di campagna nel Pavese  dove rimase per due giorni e poi fu liberata. Nel corso delle 48 ore i sequestratori le avrebbero fatto girare un video facendole dire che aveva perso il bambino. L'obiettivo era quello di spaventarla e indurla a troncare il rapporto con il manager. Ai sequestratori sarebbe stato offerto un compenso di 100 mila euro a testa.

Le indagini degli inquirenti sono cominciate quando Pracca,  denunciò  la scomparsa. Sentita,  la donna aveva detto di essersi allontanata spontaneamente mentre un'amica aveva riferito che le aveva raccontato di essere stata sequestrata.

Pracca, membro del consiglio di gestione di Deutsche Bank Italia, si trova ora nel carcere di Opera. Il 58enne era stato imputato e poi assolto dai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Milano, il 18 aprile scorso, nell'ambito del processo nei confronti di alcuni istituti di credito per il concorso in aggiotaggio in uno dei filoni di inchiesta sul crac della Parmalat. Le banche, accusate per la legge 231 e i loro dirigenti sono stati tutti assolti.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©