Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pregiudicato preferisce arresto alla convivenza con la madre

L'uomo di 43 anni provoca incendio e si fa arrestare

Pregiudicato preferisce arresto alla convivenza con la madre
09/04/2012, 09:04

Carmine Iervolino, 43 anni, aveva chiesto al commissariato di polizia di Torre Annunziata di poter cambiare domicilio. Non sopporta la madre, quindi preferisce vivere altrove. I poliziotti gli avevano spiegato che la prassi richiede un’autorizzazione speciale dall’autorità giudiziaria. L’uomo se ne va, affermando che di li a poco sarebbe ritornato per fa valere le proprie ragioni. E lo ha fatto. Dopo un po’ Iervolino è ritornato ed ha lanciato una bottiglia molotov contro il portone  dello stabile del commissariato, provocando un incendio che è stato sedato di li a poco dai vigili del fuoco. Grazie alle immagini delle telecamere del comune, l’uomo è stato individuato come responsabile del fatto ed è stato arrestato. Ora dovrà rispondere di incendio doloso, danneggiamento aggravato, possesso di materiale infiammabile, violazione dell’obbligo di sorveglianza speciale e minacce agli agenti. Una cosa l’ha ottenuta: stare lontano dalla madre, con la quale aveva problemi di convivenza.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©