Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

L'uomo: "Delle voci mi dicevano di colpirla"

Prende a martellate la figlia di 3 anni, la piccola è grave


Prende a martellate la figlia di 3 anni, la piccola è grave
01/01/2015, 15:19

BUSNAGO (MONZA E BRIANZA) - Gravissimo episodio nella notte di San Silvestro. Un 36enne, per motivi tutti da chiarire, ha preso un martello, colpendo violentemente alla testa la figlia di tre anni. Testimone dei fatti la madre della piccola, che - dopol'aggressione - ha portato in salvo la piccola e ha chiamato i Carabinieri di Vimercate. I quali sono intervenuti arrestando l'uomo, che ha consegnato docilmente il martello insanguinato e non ha opposto resistenza. Accompagnato in caserma, ha detto di averlo fatto perchè aveva sentito delle voci che gli dicevano che se non avesse colpito la figlia con una martellata in testa, la bimba sarebbe morta l'indomani. 

La bambina intanto è stata portata prima all'ospedale di Vimercate, poi - vista la gravità della ferita - a quello di Bergamo. Qui è stata ricoverata nel reparto pediatrico con prognosi riservata in attesa di una operazione per risistemare le ossa del cranio fratturate e ridurre l'ematoma. Tuttavia i medici sono ottimisti: allo stato, ritengono che la bambina non corra pericolo di vita. 

Marito e moglie, da quello che si è saputo, vivevano una normalissima vita, senza alcun particolare problema e gestendo insieme una piccola ditta di pulizie. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©