Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Prende il via in queste settimane l’Iniziativa europea STOP VIVISECTION


Prende il via in queste settimane l’Iniziativa europea STOP VIVISECTION
14/09/2012, 09:26

In occasione delle giornate nazionali contro la vivisezione promosse dalla Leal, il gruppo “Veg in Campania” sarà presente a Napoli, a Piazza Bovio, sabato 15 settembre dalle 10.00 alle 13.30 e domenica 16 dalle 10.00 alle 18.00 nonché ospite al Pummarock Fest di Sant’Antonio Abate sabato, a partire dalle 18.00, ed a Castellammare di Stabia presso la villa comunale domenica dalle 18.00 alle 24.00, con uno stand informativo per la raccolta firme. La sperimentazione animale (o vivisezione) è senza alcun dubbio una pratica eticamente inaccettabile, in quanto impone illimitato dolore e sofferenza a esseri senzienti e fornisce risultati privi di valore scientifico poiché il “modello animale” non è predittivo per l’uomo.

Cos’è STOP VIVISECTION:
Due anni dopo l’approvazione della Direttiva 2010/63/UE sulla sperimentazione animale, i cittadini europei possono finalmente chiedere alla Commissione europea di riscriverla. Ce lo consente il Diritto d’Iniziativa dei Cittadini Europei, grazie al quale i cittadini europei possono prendere direttamente parte all’elaborazione delle politiche dell’UE, invitando la Commissione europea a presentare una proposta legislativa.
Ecco alcuni punti della Direttiva Europea 63/2010, è possibile:
- sperimentare sui primati anche in assenza di gravi motivazioni (artt. 5, 8 e 55)
- sperimentare anche su cani e gatti randagi (art.11)
-riutilizzare più volte lo stesso animale, anche in procedure che gli provocano intenso dolore, angoscia e sofferenza (art.16)
- sperimentare senza anestesia e non somministrare antidolorifici a un animale sofferente se i ricercatori lo ritengono opportuno (art.14)
- sperimentare su animali vivi a scopi didattici (art.5)
- somministrare scosse elettriche fino a indurre l’impotenza
- tenere in isolamento totale per lunghi periodi animali socievoli come cani e primati
- costringere gli animali al nuoto forzato o altri esercizi fino all’esaurimento (allegato VIII)

La nuova legge che si chiede deve puntare sui metodi sostitutivi, in modo da superare in tempi brevissimi la sperimentazione sugli animali.
Ecco cosa puoi fare tu:
Firma e fai firmare la petizione STOP VIVISECTION 
A metà ottobre sarà possibile firmare on line sul sitowww.stopvivisection.eu
La Leal ricorda che per firmare è necessario avere con sé la carta di identità o il passaporto oppure la vecchia patente cartacea.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©