Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Prendeva le figlie a cinghiate sul pube, condannato a 3 mesi


Prendeva le figlie a cinghiate sul pube, condannato a 3 mesi
27/04/2009, 19:04

Livorno, 27 apr. - E' stato condannato a tre mesi di carcere per abuso di metodi correttivi perche' prendeva a colpi di cintura le figlie di 3 e 7 anni colpendole sul pube. Il motivo? Facevano la pipi' a letto. E' questo quanto e' accaduto in aula del tribunale di Livorno nei confronti di un giovane padre di famiglia, J.B le sue iniziali di 32 anni, condannato dal giudice Giovanni Zucconi a 90 giorni di carcere per episodi ripetuti di maltrattamento nei confronti delle sue bambine. Era proprio il padre, secondo quanto raccontato in tribunale da Donatella Raspaoli, consulente psicologo del pubblico ministero Carla Bianco, che sferrava colpi con la fibbia della cintura alle due bambine perche' non sopportava piu' di trovare il letto delle figlie bagnato. Il pubblico ministero ha chiesto 4 mesi di condanna (il massimo per questo tipo di reato e' sei mesi di carcere) il giudice monocratico, dopo un'ora e mezzo di camera di consiglio, ha sentenziato per tre mesi di pena. Tre mesi che non verranno mai scontati dal giovane padre in quanto coperti da indulto. L'unica buona notizia e' che le bambine da due anni vivono con la madre lontano da Livorno dove forse sara' possibile ricostruire una vita e dimenticare le violenze subite.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©