Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Presentata la VII edizione di Malazè. Al via il Distretto Culturale Campi Flegrei


Presentata la VII edizione di Malazè. Al via il Distretto Culturale Campi Flegrei
13/06/2012, 13:06

Tra le novità: pacchetti turistici targati Malazè, spettacoli teatrali nei monumenti e alla Darsena, Ciclo Wine Tour contro al discarica del Castagnaro, Pagine da Gustare con scrittori nelle vigne e nei ristoranti.

Presentata la VII edizione di Malazè, l’evento archeoenogastronomico dei Campi Flegrei che si terrà dall’8 al 18 settembre prossimo.

A Villa Turinus, dimora Romana di Pozzuoli, è stato presentato il programma nell’ambito del convegno moderato dal conduttore Rai Gianni Milano, “I Nostri Campi Flegrei: nascita del distretto culturale come occasione di sviluppo integrato”.

“A Villa Turinus – ha dichiarato Rosario Mattera, ideatore ed organizzatore di Malazè - chiudiamo il ciclo delle ville antiche di Pozzuoli. Ogni anno abbiamo scelto una dimora Romana per l’anteprima di Malazè, evento che si terrà a settembre. E per la VII edizione sono previste grosse novità, oltre al consolidamento e alla crescita di esperienze che sono diventate un cult per numerosi visitatori. Innanzitutto un gruppo di operatori turistici locali ha deciso di mettersi insieme per offrire, sul mercato turistico nazionale e internazionale, pacchetti turistici con il brand Malazè. Sarà un primo esperimento per mettere a sistema quello che abbiamo costruito: dopo sette anni molti sogni si sono realizzati ma adesso è necessario fare una salto di qualità. Tra le altre novità: il Ciclo Wine Tour per le cantine di Quarto, un’occasione per ribadire il nostro no all’ipotesi della discarica al Castagnaro; poi ancora quest’anno ci saranno le “Pagine da gustare”, incontri con importanti scrittori in ristoranti e vigne; teatro in alcuni siti archeologici e in location particolari, come “u’ Valione”, la darsena di Pozzuoli”.

“In queste terre – ha spiegato Flavio Castaldo, archeologo e autore del libro “Archeologia e vini in Campania (edizioni Archeologiattiva) – è nata la vera vinificazione e in queste terre i Greci hanno portato anche il modo in cui beve il vino. C’è stato un periodo storico in cui la Campania era riconosciuta come la terra dove si producevano prodotti agricoli di qualità eccelsa. Questo è un obiettivo che siamo chiamati a raggiungere, nonostante le difficoltà di questi tempi”.

L’esperienza de “Viaggio nel Mito”, l’evento che diciannove anni fa portò nei Campi Flegrei 200mila persone, al centro dell’intervento di Manuela Piancastelli, giornalista e scrittrice. “Fu una tre giorni organizzata dal quotidiano “Il Mattino” - spiega Piancastelli – e per la prima volta ci fu l’apertura di tutte le chiese e i monumenti del territorio. All’epoca non c’era molti ristoranti e produttori di vino di qualità. Tante cose sono cambiate, ma resta la mancanza di attenzione da parte delle amministrazioni locali”.

Infine sono intervenuti portando la signora Elena Di Gennaro Martusciello, presidente nazionale dell’associazione “Donne del Vino” e amministratrice delle Cantine Grotta del Sole e i responsabili del Caffè Lazzarelle, cooperativa di torrefazione all’interno Carcere Femminile di Pozzuoli, e del Caseificio “Terre di don Peppino Diana”, bene confiscato alla criminalità organizzata di Castel Volturno, Caserta.

All’evento, a cui hanno partecipato circa cinquecento persone, erano presenti giornalisti, blogger ed esperti del mondo dell’enogastronomia.

Hanno partecipato all’Anteprima a Villa Taurinus ventuno cantine locali, otto ristoranti di Pozzuoli e Bacoli, cinque stand con cibi di strada, cinque aziende gastronomiche e due associazioni: l’O.n.a.f. (Organizzazione nazionale assaggiatori di formaggi) e Degustazione di sigari italiani a cura di www.amicidelladolcevita.it. Musica a cura del Gran caffè Cannavacciuolo di Pozzuoli. I partecipanti all’Anteprima. Le cantine: Iovino Antonio (Pozzuoli – Solfatara), Cantine Babbo (Pozzuoli – Scalandrone), Tenuta Matilde Zasso (Pozzuoli – Contrada La Schiana), Contrada Salandra (Pozzuoli – Coste di Cuma), Cantine dell’Averno (Pozzuoli – lago D’Averno), Azienda Agricola Piscina Mirabile (Bacoli – Piscina Mirabilis), Cantine Farro (Bacoli – Fusaro), La Sibilla (Bacoli - Fusaro), Cantina del Mare (Monte di Procida), Cantine Carputo (Quarto – Viticella), Cantine Grotta del Sole (Quarto), Il Cellaio (Quarto), Il Quarto Miglio (Quarto), Quartum (Quarto), Varriale (Napoli – Posillipo), Cantina Agnanum (Napoli – Agnano), Cantine Astroni (Napoli – Astroni), Masseria del Borro (Napoli), Colle Spadaro (Napoli – Pianura), Cantine Federiciane (Marano di Napoli), Cantina Vigne Flegree (Marano di Napoli). I ristoranti: Abraxas (Pozzuoli), Agriturimo La Vigna (Pozzuoli), Miseno a’mmare (Bacoli), Don Salvatore Eventi (Napoli), La Fattoria del Campiglione (Pozzuoli), Il Capitano (Pozzuoli), La Tortuga (Bacoli), La Bifora (Bacoli). Cucina di Strada: Pizzeria Salvo (San Giorgio a Cremano), Cozza Mia (Giugliano in Campania), Fish & Fruit (Pozzuoli), Antica Macelleria Fratelli De Gennaro (Bacoli), Antica Salumeria Sciardac (Bacoli). Aziende Gastronomiche: Caseificio Le Terre di Don Peppe Diana (Casale di Principe), Artistica Dolciaria dei Fratelli Buono (Pozzuoli), Liquorello Puteolano (Pozzuoli), Cooperativa Lazzarelle – Casa Circondariale Femminile (Pozzuoli), Nautilus Dolcezze & Caffe (Giugliano in Campania).
Malazè, l’evento archeoenogastronomico dei Campi Flegrei è organizzato dall’associazione Campi Flegrei a Tavola e si svolge con la collaborazione della Soprintendenza dei Beni Archeologici di Napoli, Le Strade del vino dei Campi Flegrei, Movimento Turismo del Vino – Campania, Consorzio Tutela Vini dei Campi Flegrei, Slow Food Campi Flegrei, Camera di Commercio di Napoli, ComTour Napoli, Associazione Italiana Sommelier di Napoli, I.p.s.a.r. Petronio di Pozzuoli, F.i.p.e. Napoli, Confcommercio Napoli, Chic CharmingItalian Chef, Pro Loco di Pozzuoli, ed è patrocinato da Regione Campania – Assessorato all’Agricoltura, Comune di Pozzuoli, Comune di Bacoli, Comune di Monte di Procida, Comune di Quarto, Comune di Procida, Parco Regionale dei Campi Flegrei, Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo di Pozzuoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©