Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In Prefettura il punto sullo stato della progettualità

Presentato il Sistema informativo del PON sicurezza


Presentato il Sistema informativo del PON sicurezza
27/10/2010, 17:10

NAPOLI - Nasce il Sip, Sistema Informativo del PON Sicurezza Obiettivo Convergenza 2007-2013, realizzato per la gestione informatizzata delle attività di competenza di tutti gli i protagonisti del Programma. La presentazione ufficiale è avvenuta oggi a Napoli presso la sede della Prefettura alla presenza dell’Autorità di gestione del Pon Sicurezza, dei referenti delle prefetture di Napoli, Avellino, Benevento, Caserta e Salerno e dei rappresentanti degli enti beneficiari. Nell’occasione, l’Autorità di Gestione, prefetto Nicola Izzo, ha affermato che “il sistema consentirà di seguire l’avanzamento procedurale, fisico e finanziario dei progetti finanziati assicurando un monitoraggio costante delle singole progettualità”. Il Sip è stato creato per consentire una supervisione e un controllo in tempo reale di tutte le fasi di attuazione dei progetti territoriali con il duplice scopo di soddisfare le esigenze conoscitive delle Prefetture e di dare impulso alle attività dei beneficiari. Nel sistema confluiranno, in via telematica, tutte le informazioni,  dalla fase di presentazione alla conclusione di ogni singolo progetto. La presentazione del Sip  precede una serie di attività e corsi di formazione destinati al personale delle prefetture e degli enti beneficiari della Campania che avranno luogo domani e dopodomani sempre presso la Prefettura di Napoli.  Questa mattina, nel corso di un incontro preliminare con i rappresentanti delle prefetture, l’Autorità di Gestione ha illustrato lo stato di attuazione dei progetti ammessi a finanziamento in Campania nell’ambito del PON Sicurezza. “Una volta ottenuto il finanziamento – ha detto il prefetto Izzo - è indispensabile la sostenibilità dell’opera. Il mancato impegno delle delibere adottate rischia di comportare la rinuncia ai finanziamenti da parte degli enti beneficiari”. Il prefetto ha sottolineato la necessità “di un bilanciamento economico territoriale e di una rimodulazione dei progetti attraverso una equa ripartizione delle risorse tra le singole realtà”. Per la Campania sono da utilizzare ancora 58 milioni di euro.  A breve è prevista la pubblicazione di un nuovo bando sul riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata da destinare a strutture agricole, formazione al lavoro e assistenza agli anziani. Inoltre, considerata l’ottima risposta dei ragazzi che hanno partecipato al Pon Sicurezza con progetti che poi sono stati approvati, verrà ampliata l’iniziativa del Pon Giovani per la diffusione della cultura delle legalità. “E’ importante  - ha concluso l’Autorità di gestione - il coinvolgimento dei giovani per migliorare la vivibilità dei territori. Penso a un loro ruolo diretto anche nel potenziamento della raccolta differenziata dei rifiuti”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©