Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Ceo della Applae compare inaspettatamente a S.Francisco

Presentazione Ipad 2, la sorprendente presenza di Steve Jobs

La Mela morsicata ha già in cantiere il tablet numero tre

Presentazione Ipad 2, la sorprendente presenza di Steve Jobs
02/03/2011, 20:03

SAN FRANCISCO - Solo pochi giorni fa, l'assemblea degli azionisti della Apple decideva tra timori e perplessità le modalià di elezione per il suo successore. Quest'oggi, allo Yerba Buena Center di San Francisco, l'intramontabile Steve Jobs ha scelto di regalare una sorpresa al numeroso pubblico accorso per assistere alla presentazione ufficiale dell'Ipad 2. Il numero uno del colosso americano, raccontano i cronisti presenti, è apparso parecchio dimagrito ma brillante nell'eloquio come di consueto ed in buona salute.
Jobs, 56 anni, è come noto ufficialmente "in malattia" dallo scorso 17 gennaio. Da anni marcato stretto da un cancro che sembra non volergli dare tregua, il Ceo della Apple ha subito la prima operazione al pancreas nel 2004 e, pochi anni dopo, nel 2009, è finito nuovamente sotto i ferri per un delicato trapianto di fegato.
Accolto da una vera e propria ovazione, Jobs ha esordito ricordando:"Abbiamo venduto 100 milioni di libri attraverso il nostro iBook Store". Gli Ipad di prima generazione venduti, nonostante l'agguerrita concorrenza di potenti aziende come la Samsung ed i palesi limiti tecnici, hanno raggiunto quota 15 milioni nel solo 2010. 
L'incontro di S.Francisco è dunque servito per presentare il tablet 2.0 progettato dalla mela morsicata: con due videocamere (fronte-retro), un peso ridotto (590 invece di 680) ed una design decisamente più affusolato, il nuovo prodotto può vantare 10 ore di autonomia ed un mese di carica in stand by. Aggiunta poi una presa HDMI per la riproduzione di filmati in full-Hd e lasciato invariato il prezzo. Sebbene si parli di alcuni esemplari messi già in vendita in Germania, il lancio ufficiale di I-Pad 2 è previsto in 26 paesi del mondo non prima del 25 marzo. Per chi proprio non può aspettare, oltre la Germania, ci saranno gli Stati uniti; con data di uscita prevista per l'11 marzo.

GIA' PRONTO IL 3.0?
Stando a quanto riferiscono alcuni rumors collegati addirittura ad una fonte interna alla Apple, però, i malati di super teconologia compatta (spesso superflua) non avranno nemmeno il tempo di sentirsi un po' presi in giro per aver acquistato l'Ipad 1 allo stesso prezzo del 2, che si vedranno proporre già la terza versione.
Non solo: sempre stando a quanto avrebbe riferito tale fonte interna, la seconda generazione del tablet della mela morsicata, non conterrebbe nessuna eclatante innovazione e sarebbe poco più di unpgrade del primo nato. La vera rivoluzione, a quanto sembra, si avrà difatti soltanto con il terzo arrivo della "nidiata"; previsto tra l'altro sempre entro il 2011. In ogni caso, ai fan di Jobs e dei suoi prodotti, non sembrano importare molto nè il prezzo, nè la longevità nè l'effettiva utilità dei prodotti acquistati: l'importante è comprare prima possibile e ad ogni costo tutto ciò che viene prodotto e promozionato da Cupertino. In questo senso, alla mela morsicata, sembrano aver interpretato nel migliore dei modi la filosofia consumistico-nevrastenica che comincia a dare piccoli ma significativi segnali di crisi in molti altri settori produttivi.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©