Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Uno arrestato ieri sera, due ragazzi si sono costituiti oggi

Presi tre evasi dal carcere di Airola, è caccia al quarto


Presi tre evasi dal carcere di Airola, è caccia al quarto
28/10/2009, 21:10

NAPOLI - Il 26 ottobre, dopo una sommossa creata ad hoc, quattro giovani sono fuggiti dal penitenziario minorile di Airola, in provincia di Benevento. Manuel Brunetti, 18 anni, Marcello Picardi, 19 anni, Giuliano Landieri, 19 anni, e Giovanni Favarolo, 20 anni, dopo aver tentato inutilmente di prendere l’automobile di uno degli agenti, hanno rapinato un passante e si sono diretti a Napoli con la sua vettura; l’Alfa dell’uomo è stata infatti ritrovata alle porte del capoluogo partenopeo. Oggi sono stati arrestati Marcello Picardi (condannato per omicidio, stava scontando la pena) e Giuliano Landieri (stava scontando la pena per reati di droga). I due, spiegano i carabinieri di Benevento in una nota, erano arrivati a casa della famiglia di Picardi e si sono costituiti alla polizia penitenziaria di San Giorgio a Cremano; sono stati entrambi riportati nel carcere di Airola. Ieri sera gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Napoli, insieme agli agenti del commissariato di Ponticelli, hanno arrestato il 19enne Giovanni Favarolo, del quartiere Ponticelli. Il giovane, bloccato dalla polizia a San Giovanni a Carbonara, ha detto di essersi allontanato dal carcere per un amore, tra l’altro non corrisposto; stava scontando una pena per reati connessi alla legge sulle armi e sarebbe uscito per fine pena tra tre mesi, il 29 dicembre. Le ricerche proseguono per rintracciare l’ultimo fuggitivo, il diciottenne Manuel Brunetti, in attesa di giudizio per omicidio.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©