Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Fonti ospedaliere confermano la notizia

Presidente Cossiga: condizioni aggravate. Parenti in silenzio


Presidente Cossiga: condizioni aggravate. Parenti in silenzio
09/08/2010, 19:08

ROMA – Il senatore a vita, presidente emerito della Repubblica, Francesco Cossiga si trova ora in rianimazione. Le sue condizioni si sono aggravate. Dalle ore 13 è ricoverato al Policlinico Gemelli per problemi respiratori.
Subito dopo il ricovero sono arrivati i familiari, i due figli, Giuseppe e Annamaria, e don Vincenzo Paglia.
Da principio la situazione non pareva grave, anche se i medici avevano ordinato di tenerlo dentro per la notte, per precauzione. Poi, improvviso, il peggioramento e il ricovero in terapia intensiva
Sarà monitorato e sotto sedativi per le prossime 24-48 ore in modo che i medici possano definire una prognosi corretta.
Ora le condizioni sono stazionarie.
La notizia viene confermata da fonti ospedaliere. Cossiga ha compiuto 82 anni lo scorso 26 luglio. 
"Un caro saluto all'amico presidente emerito Francesco Cossiga con l'augurio che tutto si risolva presto e tutto per il meglio".
È l'augurio di "pronta guarigione" del presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, al presidente Cossiga.
I familiari del presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga sono al Policlinico Gemelli di Roma per seguire da vicino l'evolvesi delle condizioni di salute dell’ex capo dello Stato.
I parenti di Cossiga preferiscono al momento non rilasciare dichiarazioni e sono controllati dagli uomini della sicurezza.
Intanto, il mondo politico e istituzionale si stringe attorno al senatore a vita: a quanto si e' appreso infatti numerosissimi esponenti politici, anche dei massimi livelli istituzionali, hanno telefonato per informarsi sulle condizioni di salute di Cossiga.
Non hanno pero' parlato con il presidente in persona, ancora sotto sedativi. A quanto sembra sarebbero invece in contatto con il figlio dell'ex capo dello Stato, Giuseppe Cossiga, che e' deputato del Pdl e sottosegretario alla Difesa.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©