Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La Chiesa: "Don Santoro ha simulato un sacramento"

Prete sposa uomo e donna nata uomo: sospeso


Prete sposa uomo e donna nata uomo: sospeso
26/10/2009, 17:10

FIRENZE – Una decisione azzardata, alla quale è seguita quella che pare proprio una punizione, sebbene seguita da una spiegazione. Don Alessandro Santoro, parroco della comunità delle Piagge a Firenze, è stato sospeso dalla Curia. La sua colpa è stata quella di aver “simulato un sacramento”, secondo la versione della curia. Ovvero, di aver unito in matrimonio un uomo ed una donna nata uomo.
I fatti risalgono alla mattina di domenica 25 ottobre. “Presso la comunità delle Piagge a Firenze, - si legge nel comunicato ufficiale della chiesa di Firene, - si è compiuta la simulazione di un sacramento, ponendo un atto privo di ogni valore ed efficacia, in quanto mancante degli elementi costitutivi del matrimonio religioso che si voleva celebrare”. “Tale simulazione, - si legge ancora, - è stata posta in atto da don Alessandro Santoro in contrasto con le disposizioni più volte dategli dai superiori, primo fra tutti il “precetto” che gli fu formalmente intimato dal Cardinale Ennio Antonelli il 15 gennaio 2008, successivamente rinnovato nei colloqui e negli iscritti intercorsi con l’Arcivescovo Giuseppe Betori”. In altre parole, al parroco era stato vietato, espressamente e in più occasioni, di celebrare un matrimonio tra due persone i cui sessi attuali non fossero, si potrebbe dire, congeniti. La decisione di procedere egualmente col matrimonio, quindi, “assume particolare gravità in quanto genera inganno nei riguardi delle due persone coinvolte, che hanno potuto ritenere di aver celebrato un sacramento laddove ciò era impossibile, nonché sconcerto e confusione nella comunità cristiana e nell’opinione pubblica, indotta a pensare che per la Chiesa siano mutate le condizioni essenziali per contrarre il matrimonio canonino”. E davanti ad un affronto del genere, non poteva che arrivare una punizione esemplare, visto che gesti del genere “contraddicono il ministero di pastore di una comunità”. In conclusione? L’Arcivescovo di Firenze ha deciso di sollevare don Alessandro Santoro dalla cura pastorale della comunità di Piagge, mentre i due novelli sposini si sono visti annullare (almeno per la Chiesa) il matrimonio.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©