Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pretendevano pizzo a pescheria del Vomero: 2 arresti


Pretendevano pizzo a pescheria del Vomero: 2 arresti
19/12/2011, 09:12

Nella giornata di ieri, gli agenti del Commissariato di Polizia “Vomero” hanno arrestato il pluripregiudicato Giancarlo Menna, 43enne di Castelvolturno (Ce) e successivamente sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il pluripregiudicato S.D.A. 39enne di Giugliano in Campania, entrambi per estorsione aggravata in concorso.

L’arresto è avvenuto verso le ore 10.00 in Via S.G. dei Capri, mentre il successivo fermo è stato effettuato nel pomeriggio in Via Tropeano.

Tutto ha avuto inizio da una richiesta estorsiva ai danni di una pescheria dove i pregiudicati si sono presentati due giorni fa in sella ad uno scooter. iL 39enne era entrato e qualificandosi quale appartenente agli “amici del Vomero”, aveva chiesto, con tono minaccioso, al titolare dell’esercizio commerciale se fosse a conoscenza del fatto che tutte le pescherie della zona stavano pagando. Con tono sprezzante aveva poi chiesto di fargli trovare pronta per il mattino successivo la somma di 1000 euro. Il giorno dopo il 43enne, pregiudicato per reati contro la persona ed il patrimonio, si è ripresentato come promesso, ma ad attenderlo c’erano i poliziotti del Commissariato Vomero che lo hanno immediatamente arrestato.

A questo punto è iniziata la ricerca del complice, che grazie ad un’intensa attività investigativa estesa a tutta l’area dei quartieri collinari del Vomero e dell’Arenella, è terminata verso le 12.00 quando i poliziotti, in Via Tropeano, hanno notato lo scooter utilizzato dai due il giorno prima per la loro attività estorsiva.

Il motociclo era in sosta di fronte ad un negozio dove l'uomo stava chiacchierando con altre persone. Il malvivente si è accorto di essere stato identificato ed ha provato ad fuggire avvalorando il sospetto che era lui il complice del 39enne in quanto corrispondente alla persona descritta dalla vittima dell’estorsione.

Vistosi però accerchiato dai poliziotti, il 39enne ha desistito dal proprio intento e si è lasciato bloccare senza opporre resistenza. Da una immediata perquisizione personale gli sono state trovate in tasca banconote per un totale di 1250 euro. Considerato frutto di attività illecita, tutto il denaro è stato sequestrato. Sottoposto con esito positivo ad individuazione di persona, S.D.A. è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria in quanto gravemente indiziato di attività estorsiva in concorso. In serata i due complici sono stati condotti alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©