Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Prezzi: Indagine Adiconsum: carrello spesa con frutta e verdura aumentata di 2,25 euro


Prezzi: Indagine Adiconsum: carrello spesa con frutta e verdura aumentata di 2,25 euro
16/02/2012, 14:02

La seconda ondata di gelo – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum - ha assestato un altro duro colpo alle famiglie italiane. Rispetto infatti alla nostra prima indagine sui prezzi dei prodotti alimentari dopo il blocco dei Tir e la prima ondata di maltempo, se guardiamo al solo carrello della spesa riempito con frutta e verdura, l’aumento medio settimanale è stato di 2,25 euro.
Adiconsum sta continuando a monitorare i prezzi dei prodotti alimentari. Ecco quanto è risultato dalle rilevazioni su frutta e verdura effettuate il 14 febbraio scorso sempre su 180 punti vendita tra GDO, mercati e negozi.
VERDURE E ORTAGGI. Il primato spetta ancora alle zucchine con un aumento medio nazionale del +22,50%. A seguire i carciofi di tipo romanesco (+16,67%) e le melanzane lunghe(+15,00%) che rispetto alla prima indagine passano dal secondo al terzo posto
FRUTTA. L’Uva bianca Vittoria toglie il primato all’uva nera Cardinal con un aumento del +17,65%, seguite dalle pere Conference (passati dal precedente +8,82% del 17 gennaio al quasi raddoppiato +14,71%), mentre l’uva nera Cardinal si piazza al terzo posto mantenendo l’aumento del +12,50%.
ALTRI PRODOTTI. Stabili i prezzi di carote, patate, ananas, mandarini e pere kaiser. Ribassati i prezzi di spinaci, kiwi, limoni e una bianca Italia.

Quali le conseguenze degli aumenti sul carrello della spesa?
Ipotizzando un carrello della spesa settimanale di sola frutta e verdura di una famiglia composta da 4 persone l’incremento riscontrato rispetto al 17 gennaio scorso l’incremento al giorno è di 2,25 euro, quasi 10 euro al mese e 120 euro all’anno.
Adiconsum – prosegue Giordano - auspica che il tavolo Governo-consumatori-commercianti che si riunisce oggi metta a fuoco strategie per frenare i comportamenti speculativi.

N.B. i dati elaborati da Adiconsum si avvalgono dei rilevamenti riportati quotidianamente dal sito www.smsconsumatori.it, frutto di un progetto promosso dal Ministero delle Politiche agricole e forestali realizzato da alcune associazioni di consumatori, tra cui Adiconsum stessa, e dai dati dell’Ismea per quanto riguarda i prezzi medi settimanali all’origine e all’ingrosso


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©