Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La bambina è in coma farmacologico

Prima di morire partorisce in ambulanza la piccola Marisol


Prima di morire partorisce in ambulanza la piccola Marisol
18/08/2010, 22:08

COMO – Nonostante il terribile schianto con la sua auto avvenuto nei pressi di Gironico, Maria Soraya Annibale, una donna di 21 anni, prima di morire ha dato alla luce all’interno dell’ambulanza che la stava soccorrendo, la piccola Marisol. Attualmente la neonata è in coma farmacologico ed è sottoposta a terapia ipotermica all’ospedale Sant’Anna di Como. Al momento del terribile incidente, la giovane era sul sedile anteriore della macchina guidata dal futuro marito Rosario Lunetta, anche lui 21 enne, ed originario di Caltanissetta. La coppia, trasferitasi da qualche mese al nord era residente a Villaguarda, non lontano da dove è avvenuto l’incidente.
Il tragico evento si è verificato ieri sera intorno alle 21:30, quando la Golf guidata dal compagno della vittima, si è scontrata frontalmente lungo una strada provinciale con una Daewoo Matiz, con a bordo cinque ragazzi. Il conducente, un ragazzo 18 enne, è risultato negativo ai test su alcol e droga. Sono apparse da subito gravi le condizioni della generosa mamma, per lei un trauma toracico. Alcuni testimoni presenti al momento dello scontro, hanno raccontato di aver visto la donna uscire dalla macchina sulle proprie gambe, ed il suo primo pensiero è stato per la figlia, poi la caduta al suolo.
Francesca Gatti, il medico operatore che ha preso la decisione di operare, spiega che le condizioni della paziente erano instabili, e che si è deciso di comune accordo col compagno di procedere all’operazione, nell’interesse della mamma e della bambina. Illeso il padre della piccola Marisol, che è invece in prognosi riservata. "Purtroppo c’è stata una riduzione del flusso di sangue e ossigeno agli organi principali, dovuta all’arresto cardiaco della madre". Queste le parole di Paolo Bini, vicedirettore di terapia intensiva neonatale.

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©