Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Nuova riunione del comitato strategico amianto

Processo Eternit: Appello il 14 febbraio 2013


Processo Eternit: Appello il 14 febbraio 2013
03/11/2012, 11:17

TORINO - E’ stata resa nota la data del processo d’appello Eternit: 14 febbraio 2013.

Dopo circa un anno dalla sentenza di primo grado, che fu emessa a carico dello svizzero Stephan Schmidheiny e del belga Louis De Cartier, le parti interessate si troveranno una di fronte all’altra in un’aula di giustizia, quella della Corte d'Appello di Torino, per darsi battaglia.

Molti ricorderanno che i due ex vertici della multinazionale furono condannati a sedici anni di reclusione per “disastro ambientale doloso e permanente e inosservanza dolosa delle misure antinfortunistiche”.

Secondo gli esperti il processo dovrebbe concludersi entro maggio 2013.

Intanto in questi giorni si è svolta a Torino una nuova riunione del Comitato Strategico presieduto dal Sindaco di Casale Monferrato Giorgio Demezzi, a cui hanno partecipato anche gli Assessori Regionali alla Tutela della Salute e Sanità Paolo Monferino e all'Ambiente Roberto Ravello ed esponenti del comitato di rappresentanza di Anci Piemonte, del Comitato dei sindaci del Distretto di Casale, Asl Al, Arpa Piemonte, Afeva, Comitato vertenza amianto e rappresentanze sindacali.

La riunione è stata anche l’occasione per dare la notizia dell'avvenuta costituzione della Consulta per le attività assistenziali e la ricerca biomedica.

Il Sindaco Demezzi ha poi espresso la sua personale perplessità rispetto alla mancanza di risorse già promesse e non ancora pervenute, sottolineando che l’unica attuale certezza è rappresentata dai 4 milioni di Euro messi a disposizione da Schmidheiny a fronte delle transazioni finora effettuate dai privati.

E’ stato poi chiarito che per attivare questa disponibilità occorre prima avere dei progetti.
Per  tale motivo urge non perdere tempo nella realizzazione di una nuova discarica per poter proseguire l’opera di bonifica.

Demezzi ha dichiarato: “Ritengo che le attività relative alla gestione del rischio amianto seguano finalmente un corso ben preciso. I tempi per raggiungere l’auspicato traguardo non saranno brevi ma è importante dare un segnale concreto che si caratterizza con la volontà e l'impegno di tutte le forze scese in campo per affrontare le problematiche derivanti e correlate all’esposizione all'amianto”.

 

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©