Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il riferimento è al CdM del primo marzo 2010

Processo Mediaset: Berlusconi presenta conflitto di attribuzione


Processo Mediaset: Berlusconi presenta conflitto di attribuzione
20/04/2011, 16:04

ROMA - SIlvio Berlusconi si prepara a bloccare anche il processo Mediaset, utilizzando, come nel caso Ruby, il conflitto di attribuzione.
La scusa utilizzata è quello che accadde il primo marzo 2010. Si trattava di un lunedì, e per quella data il Tribunale di Milano e gli avvocati avevano concordato si tenesse un'udienza già da molte settimane. Ma all'improvviso il giovedì precedente, si decise di convocare per il primo marzo un Consiglio dei Ministi, che aveva all'ordine del giorno un solo punto: il ddl anticorruzione (che peraltro necessitava di ulteriori aggiustamenti in CdM e comunque poi è stato abbandonato in un cassetto delle commissioni del Senato). Quella mattina, in Tribunale, quando i legali del premier fecero valere il legittimo impedimento, vennero respinti dal Collegio giudicante, in quanto - scrissero nell'ordinanza - non era stata dimostrata l'urgenza e la necessità di tenere quell'impegno lo stesso giorno e nelle stesse ore dell'udienza.
Già allora, oltre alle solite dichiarazioni offensive del premier contro i "giudici comunisti" e le "toghe rosse", venne annunciata l'idea di presentare la questione davanti alla Corte Costituzionale, quindi con il conflitto di attribuzione. Poi il tutto venne bloccato, perchè la maggioranza preferì concentrarsi sull'approvazione del cosiddetto lodo Alfano, che divenne legge e bloccò i processi del premier per quasi un anno, fino alla sentenza della Corte Costituzionale che all'inizio di gennaio ha dichiarato incostituzionale gran parte della legge. Ma ora i legali del premier avrebbero deciso di resuscitare il conflitto di attribuzione, che in questi giorni l'avvocatura dello Stato starebbe scrivendo. E così è probabile che tra poco i deputati dovranno votare un nuovo conflitto di attribuzione. Ma almeno non dovranno farlo su una barzelletta come il fatto che la marocchina Karima El Marough fosse la nipote dell'egizioano Hosni Mubarak.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©