Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Continua l'ostruzionismo dei legali del premier

Processo Mediatrade: la difesa non convoca i testimoni


Processo Mediatrade: la difesa non convoca i testimoni
08/03/2010, 10:03

MILANO - E' durata pochi minuti l'udienza di oggi di Milano per il processo a carico del premier SIlvio Berlusconi in relazione alla falsa compravendita dei diritti TV fatta da Mediaset. Il tempo di verificare che i testi della difesa, che dovevano essere sentiti oggi, non si sono presentati. A livello di Tribunale, è uno dei trucchi usati normalmente per allungare i processi: il difensore avvisa i testi di non venire, dato che sono persone a lui note, in modo da creare problemi ai Giudici.
Il Tribunale quindi ha rinviato il processo al 12 aprile, ma l'avvocato Ghedini ha dichiarato che il premier non potrà essere presente in quella data in quanto impegnato in un viaggio a Washington. Inoltre ha asserito di non essere in grado di dire quando il Presidente del Consiglio sarà disponibile a venire in Tribunale. Il presidente del Collegio giudicante, dottor Edoardo D'Avossa, ha sbottato: "Questa però non è la collaborazione indicata dalla Corte Costituzionale".
C'è da notare che quando il Collegio aveva fissato la data di oggi per l'udienza, Ghedini aveva obiettato che Berlusconi non sarebbe potuto essere preente, perchè sarebbe stato in Brasile; cosa non vera, perchè oggi il premier è in Italia. Quella del 12 aprile sarà un viaggio vero?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©