Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Non l'ho uccisa, ma non l'ho neanche salvata"

Processo Meredith: parla Guede in aula


Processo Meredith: parla Guede in aula
18/11/2009, 13:11

PERUGIA - Udienza oggi per la Corte di Assise di Appello che deve decidere sulla sorte di Rudy Guedè, l'ivoriano accusato di avere ucciso la studentessa inglese Meredith Kerchner, insieme a Raffaele Sollecito e a Amanda Knox. Nel calendario odierno erano previste le dichiarazioni spontanee dell'imputato, condannato a 30 anni in primo grado. L'uomo ha negato il suo coinvolgimento nell'omicidio, scaricando tutte le responsabilità sui due coimputati; e ha negato anche che ci fu uno stupro. Poi, parlando con l'avvocato Francesco Maresca, difensore di Parte Civile in rappresentanza dei parenti della ragazza uccisa, ha detto: "Voglio far sapere alla famiglia Kercher che non ho ucciso nè violentato la loro figliola. Non sono quello che le ha tolto la vita". E poi ha aggiunto che "l'unica cosa della quale la mia coscienza deve rispondere e per la quale nessun tribunale potrà assolvermi" è il fatto di non aver impedito l'omicidio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©