Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Confermato l'impianto accusatorio

Processo Meredith: per PM "Amanda odiava quella smorfiosa"


Processo Meredith: per PM 'Amanda odiava quella smorfiosa'
20/11/2009, 16:11

PERUGIA - Oggi è iniziata la requisitoria del Pubblico Ministero al processo in Corte d'Assise di Perugia per l'omicidio di Meredith Kerchner. E il Pubblico Ministero Giuliano Mignini ha usato frasi molto dure: "Amanda ha covato odio per Meredith ed era venuto il momento di vendicarsi di quella 'smorfiosa' che la rimproverava per le pulizie di casa e che stava sempre con le sue amiche inglesi". Poi, la sera dell'omicidio, forse anche perchè sia la Knox che Sollecito erano ubriachi e quindi avevano i freni inibitori più bassi del solito, hanno tentato di coinvolgere la Kerchner in "pesanti giochi sessuali". Al suo rifiuto, sarebbe cominciato il "calvario" della studentessa inglese, terminato con la morte.
Inoltre Mignini, confermando l'impianto accusatorio, ha attaccato sia la stampa americana, che ha accusato gli inquirenti "senza avere conoscenza del sistema giudiziario italiano", sia "certi blogger", che avrebbero inventato storie parallele, ignorando lo svolgersi del processo. Infine ha negato che ci sia stato un furto quella notte, nell'appartamento dell'omicidio, definendolo una simulazione dei due imputati; e ha accusato la difesa di Sollecito di avere montato un teorema di accusa contro l'altro co-indagato Rudy Guedè, che in questa sede non può difendersi, perchè il suo processo è già in secondo grado, avendo egli scelto il rito abbreviato.
Domani toccherà all'altro PM, Manuela Comodi, terminare la requisitoria e chiedere per gli imputati quella che sicuramente sarà una pesante condanna alla reclusione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©