Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pm: "La prescrizione tra maggio e luglio"

Processo Mills: chiesti 5 anni per Silvio Berlusconi


Processo Mills: chiesti 5 anni per Silvio Berlusconi
15/02/2012, 12:02

MILANO - Chiusa, al processo Mills, la requisitoria del Pm Fabio De Pasquale. Al termine della quale la richiesta è stata in linea con la condanna inferta all'ex coimputato David Mills in primo e secondo grado: cinque anni di reclusione, per corruzione giudiziaria, per aver pagato 600 mila dollari affinchè dichiarasse il falso nel processo per le tangenti alla Guardia di Finanza e nel processo per iu fondi neri della società off shore All Iberian. In entrambi i processi l'imputato era proprio Berlusconi, e le dichiarazioni di Mills, come scrive la stessa Corte di Cassazione nella sentenza sulla prescrizione dell'avvocato inglese, furono essenziali nel primo processo per far avere l'assoluzione all'ex premier (quello su All Iberian è finito in prescrizione).
Durante la requisitoria, De Pasquale ha sottolineato altri due punti. Innanzitutto la linea difensiva (i soldi a Mills li avrebbe dati un armatore napoletano, Diego Attanasio) che, ha detto il magistrato, è basata su "carte false", o meglio su una "fittizia sequenza di carte false o falsificate". Infatti non risultano ammanchi di quelle dimensioni nelle disponibilità di Attanasio dell'epoca, nè una catena di società off shore come risultano invece a disposizione dell'ex premier.
Il secondo punto riguarda la prescrizione, argomento cardine del processo. Secondo de Pasquale, che ha assicurato di aver verificato con puntigliosità, se si tiene conto di tutte le sospensioni dovute alle richieste della difesa, delle varie leggi (legge Schifani, legge Alfano, legge sul legittimo impedimento) approvate ad hoc e di tutto il resto, la prescrizione cade tra maggio e luglio. Per essere esatti, cade il 3 maggio se si prende come data del commesso reato, come sostiene la Corte di Cassazione nella sentenza Mills, l'11 novembre 1999, data in cui c'è il primo di quelle decine di movimenti di denaro prima e di quote di un fondo poi, che sono arrivati a Mills. Se invece, come sostiene la Procura, la data del reato è il 29 febbraio del 2000, data in cui c'è l'ultimo trasferimento delle quote di un fondo azionario, del valore di 600 mila dollari, nelle mani dell'avvocato inglese (che quindi da quel momento ne ha il possesso, mentre prima i soldi erano comunque nella disponibilità di Berlusconi) allora la prescrizione arriverà a metà luglio.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©