Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Nuova manovra dilatoria degli avvocati di Berlusconi

Processo Ruby: la mamma non viene, "La difesa non paga il biglietto"


Processo Ruby: la mamma non viene, 'La difesa non paga il biglietto'
28/01/2013, 13:41

MILANO - Nuova udienza del processo che vede Silvio Berlusconi accusato di concussione e di prostituzione minorile, per aver avuto rapporti sessuali a pagamento con Ruby, alias Karima El Marough, quando lei era minorenne. E nuovo comportamento dilatorio della difesa del premier. 
Infatti, oggi doveva essere sentita la madre della ragazza, Yazhili Zhara, la quale però non si è presentata. Ha mandato un lungo fax, in cui spiegava come non aveva potuto essere presente perchè l'avvocato Ghedini, che l'aveva copnvocata come testimone, non le aveva fornito il bigklietto aereo per raggiungere Milano. Inoltre la signora spiegava che, essendo la situazione economica della sua famiglia molto precaria, non aveva i soldi per affrontare il viaggio dalla Sicilia alla Lombardia con i propri mezzi. 
L'avvocato Paola Rubini (presente in aula al posto di Ghedini e Longo, impegnati in campagna elettorale) ha parlato di un equivoco chiedendo di poter riconvocare la teste alla prossima udienza. Ma il Pm Ilda Bocassini si è opposta, spiegando che, se la difesa era interessata ad ascoltare la teste, l'avrebbe convocata. E ha chiesto di escludere la signora Yazhili Zhara dall'elenco dei testimoni. Ora tocca al Tribunale decidere cosa fare

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©