Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Le teleimbonitrici pronte a costituirsi in caso di condanna

Processo Vanna Marchi, chiesta conferma condanne


Processo Vanna Marchi, chiesta conferma condanne
04/03/2009, 14:03

Devono essere confermati i nove anni e sei mesi di reclusione per Vanna Marchi, e i nove anni, quattro mesi e nove giorni per sua figlia, Stefania Nobile. Le due sono già state condannate in appello per associazione a delinquere finalizzata alla truffa. La richiesta è stata inoltrata dal sostituto procuratore generale della Cassazione, Antonello Mura, sollecitando ai giudici della seconda Sezione penale l’inammissibilità dei ricorsi presentati dalla difesa delle due teleimbonitrici. In sostanza la pubblica accusa di piazza Cavour ha chiesto di confermare interamente il verdetto della corte d’appello di Milano dello scorso 27 marzo, che aveva stabilito una lieve riduzione di pene per le due principali imputate del processo. Il pg di piazza Cavour ha poi chiesto di confermare i tre anni di reclusione per lo stesso reato all’ex compagno della Marchi, Francesco Campana. Le due teleimbonitrici sono pronte a costituirsi nel caso in cui la Cassazione dovesse confermare le condanne d'appello. Lo dice lo stesso difensore delle due donne, l'avvocato Liborio Cataliotti. "Vanna Marchi e la figlia sono già preparate in caso di condanna a costituirsi spontaneamente presso un comando dei carabinieri. Sarà una consegna che avverrà in sordina per non alimentare caos mediatico".

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©