Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Gioco di Iva non versata

Prodotti ittici: scoperta frode da 22 milioni


Prodotti ittici: scoperta frode da 22 milioni
28/07/2010, 13:07

NAPOLI - L'Ufficio antifrode della Direzione regionale delle Entrate della Campania ha scoperto una frode carosello nel settore del commercio all'ingrosso di prodotti ittici, per un importo di circa 22 milioni di euro, tra Iva non versata (12 milioni) e maggiore imposta accertata Ires e Irap (10 milioni). Un missing trader, cioe' una persona interposto tra cliente finale e il venditore italiano, operante nell'import di prodotti ittici dalla Grecia, emette, a partire dal 2005, fatture con Iva, senza mai effettuare alcun versamento di imposta, nei confronti di una societa' acquirente per un imponibile complessivo di 34 milioni di euro. Quest'ultima acquista la merce dal missing trader per poi rivenderla alla grande distribuzione, immettendola con un prezzo inferiore a quello di mercato dato che il trader non versa l'Iva ne' imposte dirette, ed emette pero' fatture con regolare addebito dell'Iva nei confronti della societa' acquirente. La societa' greca non ha dipendenti se non l'amministratore unico ne' beni strumentali necessari per lo svolgimento dell'attivita' e, pur gestendo un notevole volume d'affari, non possiede alcun affidamento bancario ed e' stata guidata dall'attuale amministratore della societa' acquirente. Al termine dell'indagine, i responabili della frode sono stati segnalate all'autorita' giudiziaria. Il recupero delle imposte evase avverra' tramite l'emissione di avvisi di accertamento. "Con questa operazione - sottolinea il direttore regionale Enrico Sangermano - la nostra struttura antifrode porta a casa un bel risultato per l'erario".

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©