Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'esperto si chiama Salvatore Nanfra, siciliano di 57 anni

Produceva banconote false in casa: arrestato

Un ispettore: "Gli ho dovuto fare i complimenti"

Produceva banconote false in casa: arrestato
29/10/2012, 21:00

MILANO - Una riproduzione delle banconote a regola d'arte. E' stato arrestato lo scorso 22 ottobre dalla polizia di Milano Salvatore Nanfra, siciliano di 57 anni e oggi sono state ritrovate le banconote falsificate e custodite nell'appartamento a Certosa di Pavia. Ha ricevuto persino i "complimenti" degli agenti della Scientifica. Il commissariato Garibaldi-Venezia di Milano era sulle sue tracce. "Un bravo tipografo deve essere ordinato, preciso, non può lasciare le cose sparse in giro come faceva lui" ha commentato un tecnico nel corso della conferenza stampa in Questura. L'uomo è residente da anni a Milano, ma ha utilizzato l'appartamento a Certosa di Pavia per la sua attività illecita. Le indagini sono partite da una segnalazione relativa a un possibile gruppo di falsari attivi nella zona di Pavia con interessi anche nel traffico di armi. Gli investigatori hanno studiato le sue mosse per 2 settimane, fino a lunedì scorso quando è stato ammanettato durante una pausa dall'attività illecita.
L'uomo ha ammesso le responsabilità. Gli agenti hanno trovato una stampante di precisione da 5 mila euro, carta filigranata, stampi per ologrammi, inchiostri speciali, presse e macchine per la produzione. Un materiale da professionisti, costato almeno 20 mila euro, comprato attraverso una società di copertura creata per l'occasione. In casa sono state trovate 3 banconote false da 50 euro e circa 9 mila euro in contanti, probabile acconto per un lavoro commissionato. Gli investigatori ipotizzano che ci siano altre persone dietro l'attività di Salvatore Nanfra e che ogni banconota sarebbe stata pagata tra il 30 e il 50% del suo valore reale. "Si tratta di una persona esperta, con precedenti specifici, che conosce bene la materia" ha spiegato Mario Irace, dirigente del commissariato Garibaldi-Venezia.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©