Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

“ Atto disonesto di venditori on line”, ipotizza legale

Profanata la tomba di Rino Gaetano


Profanata la tomba di Rino Gaetano
29/07/2013, 12:47

ROMA - Non c’è più limite, per saccheggiare qualche euro in più, si profanano anche e tombe. Oggetto del macabro furto i doni dei fan posti dinnanzi alla  tomba del compianto cantautore Rino Gaetano, scomparso in tragico incidente nel 1981. Sottratti croci, pupazzetti, fiori,  sono stati portati via da personaggi loschi forniti di un attrezzo da carpentiere, con il quale è stato divelto il perno che fissava alla lapide un ukulele .
Sul marmo particolarmente prezioso,   che la sorella di Rino, Anna fece commissionare appositamente, ispirandosi all’ukulele  usato proprio dall’artista calabrese per la sua esibizione al Festival di Sanremo . Oltre a questo, è stato furtivamente portato via anche un vecchio quaderno dove gli ammiratori del cantautore hanno lasciato per anni testimonianza di affetto e di ammirazione. “Questa mattina presenteremo la denuncia  . Io non credo all’ipotesi dell’ammiratore feticista. Non mi meraviglierei se quell’oggetto finisse in vendita on-line o, peggio ancora, fosse usato per un’estorsione alla sorella di Rino. Si tratta di un reato grave”, questi i commenti del legale della famiglia Gaetano.

Commenta Stampa
di Rosa Alvino
Riproduzione riservata ©