Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Progetto di divulgazione tra i giovani la cultura della legalità


Progetto di divulgazione tra i giovani la cultura della legalità
19/05/2011, 11:05

Particolarmente incisivo e capillare è stato il progetto sviluppato dai Carabinieri in tutta la Regione Campania per divulgare tra i giovani la cultura della legalità (vedasi prospetto e opuscolo consegnato ai ragazzi nel corso delle 666 conferenze tenute da Ufficiali e Marescialli dell’Arma a oltre 50 mila tra studenti e familiari).
Alle conferenze si sono unite ben 57 visite ai Reparti, che hanno consentito a circa 3000 giovani di conoscere la realtà dell’Arma e di apprezzarne la complessa e capillare organizzazione, che vede nelle Stazioni Carabinieri un costante ed irrinunciabile punto di riferimento per i cittadini.
I ragazzi hanno mostrato particolare interesse alle diverse problematiche, con evidenti consensi nel recepire gli insegnamenti ed i suggerimenti dei Carabinieri su tematiche di rilevante importanza (droga, circolazione stradale, bullismo, tutela ambiente, rispetto delle Istituzioni ed altro).
Molte sono state le domande, a conferma dell’esigenza dei giovani ad essere correttamente e compiutamente informati.
Significativa è stata, nello sviluppo del progetto, la sinergia con le Istituzioni locali, tra cui i responsabili delle scuole ed i Parroci, nonché la partecipazione delle famiglie. Famiglie e Scuole restano, infatti, fondamentali nella formazione, né possono essere sostituite nel loro ruolo.
I Carabinieri hanno cercato di dare un forte messaggio che, tra l’altro, richiamasse anche il sacrificio di tanti valorosi che, in 150 anni di storia del nostro Paese, da quando nel 1861 fu raggiunta l’Unità d’Italia, hanno dato anche la vita per difendere quei valori che oggi ci consentono di guardare al futuro con maggiore serenità.
“Crescere insieme con i giovani attraverso il dialogo, la formazione e la reciproca conoscenza” è il messaggio che i Carabinieri vogliono concretizzare su tutto il territorio della Campania, per puntare, attraverso la cultura della legalità, su un futuro migliore, che porti ad una prevenzione intesa nel senso pieno del termine.
La via della comunicazione è certamente la migliore per giungere ad un così significativo traguardo. E in Campania, soprattutto in alcune aree c’è necessità di aiutare i giovani nel loro cammino, per evitare scelte di vita pericolosissime, con conseguenze devastanti anche per i minori.
L’azione di contrasto è indispensabile, soprattutto per contenere i fenomeni di criminalità, ma ad essa devono essere uniti interventi strutturali più ampi che, partendo dall’educazione dei giovani, devono portare anche alla soluzione dei tanti problemi sociali.
Ciascuno deve fare la propria parte.
Ed i Carabinieri sono fiduciosi nel loro progetto, che svilupperanno pure nel prossimo anno con modalità ancora più estese.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©