Cronaca / Nera

Commenta Stampa

22 rimpatriate, 8 arrestate dalla polizia

Prostituzione, controlli: 63 ragazze identificate a Napoli


Prostituzione, controlli: 63 ragazze identificate a Napoli
23/10/2009, 15:10

NAPOLI - La Polizia, nell’ambito di un servizio pianificato dalla Questura di Napoli Ufficio di Gabinetto, con il coordinamento tecnico dell’Ufficio Immigrazione e con l’ausilio della Polizia Scientifica ha effettuato un articolato servizio di contrasto alla prostituzione su strada interessando le aree di competenza dei Commissariati di Giugliano – Villaricca, Afragola e Vasto Arenaccia.

Il servizio, proseguito fino a tarda notte, ha consentito di identificare 63 donne prevalentemente di nazionalità nigeriana di cui 22 sono state accompagnate al C.I.E. di Ponte Galera a Roma in attesa del volo di rimpatrio; 7 arrestate per inosservanza all’Ordine del Questore e un altro arresto determinato dall’ art. 13c.13 D.L. 286/98 in quanto straniera già espulsa dal territorio nazionale con divieto di far ritorno per 10 anni.



Nello specifico si segnala:

Nel Comune di Giugliano, i Poliziotti del locale Commissariato di Polizia hanno arrestato Violet Osaose Odeh di 24 anni, Dovetti Obaide di 23 anni e Becky Ekogiawe tutte e tre cittadine nigeriane.



L’arresto delle 3 cittadine extracomunitarie è scaturito nell’ambito della più vasta operazione di contrasto alla prostituzione portata avanti in modo sistematico da alcuni mesi dalla Polizia di Stato.



Ieri sera in particolare, lungo il Litorale Domitio e Via Circumvallazione Esterna, gli agenti hanno proceduto al fermo di identificazione di numerosissime cittadine straniere trovate prive di qualsiasi documento di riconoscimento. In seguito ad accertamenti più approfonditi, un primo gruppo di africane è risultato essere in regola con la normativa sull’immigrazione in quanto in attesa del rilascio di un regolare permesso di soggiorno. Un altro gruppo è risultato clandestino in quanto le donne sono risultate essere arrivate in Italia senza aver fatto richiesta di alcun titolo di soggiorno.



La Odeh, la Obaide e la Ekogiawe sono invece risultate destinatarie di un disatteso Decreto di Espulsione emesso dal Questore di Caserta e pertanto immediatamente arrestate per essere giudicate con il rito direttissimo.



Nel quartiere Vasto, gli agenti del Commissariato hanno identificato oltre una ventina di donne nigeriane tra il Corso Umberto I, via Arenaccia e Piazza Garibaldo arrestando tre donne di nazionalità nigeriana, Josmine Joy, 30enne, Editt Ikuvbogie, 24enne, e Elisabeth Eliot, 33enne, nigeriane

Gli accertamenti effettuati in collaborazione con il Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica, hanno verificato che le prime due sono state arrestate in quanto inosservanti all’ordine di espulsione del Questore di Roma, mentre la terza è stata arrestata in quanto già espulsa con divieto di ritorno per anni 10



Analogamente ad Afragola, altre donne sempre di nazionalità nigeriana, sono state sorprese in strada e dopo essere state rifocillate grazie all’aiuto della Caritas sono state accompagnate all’ Ufficio Immigrazione della Questura per i rilievi tecnici.

Due sono state arrestate, Tina Aburieki, 30 enne e Kate John, 31enne, già destinatari dei provvedimento di espulsione emessi dalle Questure di Milano e Caserta.

Per tutte scattava la denuncia all’A.G. per mancata esibizione dei documenti o per falsa attestazione nonché venivano sanzionati amministrativamente ai sensi di un’ordinanza sindacale emessa dal Sindaco di Caivano che vieta la prostituzione in strada.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©