Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pompei. Controlli della polizia: denunciate due persone

Prostituzione, nei guai una squillo e il cliente


.

Prostituzione, nei guai una squillo e il cliente
29/12/2009, 10:12

POMPEI - Il problema della prostituzione a Pompei è una vera e propria piaga storica. Infatti anche nell’antica città romana abbondavano case chiuse e luoghi dove poter comprare sesso.prprio per placare questa piaga ormai atavica nel corso delle festività natalizie vigili urbani della città degli scavi hanno costantemente monitorato il territorio elevando alcuni verbali. Nello specifico, il giorno di Natale, una pattuglia operante nella zona di via Plinio ha sanzionato due persone - un cliente ed una prostituta - sorpresi in una stradina periferica.
Alle ore 21,45 circa, infatti, due agenti della polizia locale, lungo viale Mazzini, hanno notato una donna, H.M.E. - classe 1966, casalinga di nazionalità bulgara, ma residente a Pompei - che si aggirava tra le auto in circolazione in cerca di clienti.
La donna, già nota agli agenti, ha, infatti, adescato un uomo - M.M. nato a Casola, ma residente a Gragnano - con il quale, a bordo dell'auto dello stesso, si è rapidamente allontanata da via Mazzini, nel tentativo di far perdere le proprie tracce agli agenti.
I due, seguiti a debita distanza dalla pattuglia della polizia locale, si sono diretti in via Stabiana, dove si sono appartati approfittando di un fondo agricolo privo di recinzione. Bloccati dai caschi bianchi, hanno inizialmente sostenuto di essere amici, poi, amanti e, infine, appena conoscenti, in quanto, l'uomo M.M. ha asserito di aver dato solo un passaggio alla donna.
Dopo la richiesta dei documenti ed una rapida visione degli stessi, i due sono stati accompagnati al Comando per gli adempimenti del caso. Lì sono stati sanzionati secondo l'ordinanza sindacale in materia di lotta alla prostituzione che prevede un'ammenda di 500 euro. Ma non solo. Da ulteriori accertamenti, è risultato, anche, che l'auto - intestata ad una società di renting - era sprovvista della revisione periodica, ragion per cui gli è stata ritirata la carta di circolazione.
Dall'emissione dell'ordinanza sindacale (febbraio 2009) sono già centinaia le sanzioni amministrative applicate dai vigili urbani. L'ammenda di 500 euro, sta dimostrando di essere un ottimo deterrente al fenomeno della prostituzione.
Sono già decine le persone che - per evitare che il verbale gli venga notificato a casa - si sono recate presso il comando della Polizia Locale per pagare la multa

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©