Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Alfonso Borrelli accusato di violenza a pubblico ufficiale

Proteste studenti e disoccupati, arrestato un torrese


.

Proteste studenti e disoccupati, arrestato un torrese
09/12/2010, 13:12

NAPOLI - E’ stato un 8 dicembre diverso dal solito per la città di Napoli. La festa dell’Immacolata è stata sporcata dia problemi che la città vive con sempre maggiore impazienza. Oltre ai cumuli di rifiuti presenti lungo le strade del capoluogo campano,le cerimonie per la Beata Vergine hanno visto contrapporsi anche scioperi e contestazioni da parte dei gruppi di disoccupati del progetto Bros e degli studenti che hanno scandito slogan anti riforma Gelmini durante la cerimonia. E purtroppo non sono mancati anche gli episodi di cronaca. Alcune persone hanno rovesciato e dato alle fiamme cassonetti di immondizia in via Monteoliveto. Nei pressi dell' incrocio di via Diaz, invece,  e' stato attuato un blocco stradale. Due manifestanti sono stati arrestati dalla polizia nel corso dei tafferugli provocati da disoccupati del progetto Bros e di altri gruppi, aderenti ai centri sociali e studenti durante la celebrazione della Festa dell' Immacolata in piazza del Gesu' alla presenza del Cardinale Sepe. Tra questi risulta esserci anche un uomo di Torre del Greco. Si tratta di Alfonso Borelli, 28 anni, torrese, resosi responsabile di scontri contro le forze dell’ordine. In sua compagnia c’era anche una donna brasiliana residente a Madrid, Ana Paula Barbosa Rezende, 35 anni. Entrambi i fermati dalla polizia sono accusati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e di inottemperanza all' ordine di sciogliere la manifestazione. Le celebrazioni per l’Immacolata sono poi continuate come da normalità e tradizione nel corso della giornata. Ma l’8 dicembre 2010 è un giorno che cittadini e credenti difficilmente dimenticheranno.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©