Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cancellati 8 dei 12 commi dell'articolo che la istituiva

Protezione Civile Spa: azzerata per mancanza di fondi


Protezione Civile Spa: azzerata per mancanza di fondi
03/02/2010, 10:02

ROMA - Chissà se prima o poi il Presidente del Consiglio e il suo seguito impareranno che, come dice il proverbio, il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi. O, per uscire fuori dalla metafora, ogni volta che provano a forzare la situazione, questo si rivolta contro di loro. L'ultimo esempio si è avuto stamattina, quando il disegno di legge sulla creazione della "Protezione civile Spa" è stato praticamente raso al suolo per mancanza di copertura finanziaria. Il provvedimento creava una protezione civile direttamente sotto il controllo del Presidente del Consiglio pro tempore e con ampie autonomie di spesa, di creare un proprio impero economico possedendo società ed immobili, ecc. Ma la Commissione Bilancio del Senato ha dichiarato che manca la copertura economica per tutto questo. Per cui restano solo i commi che creano la Protezione Civile Spa, con un milione di euro di capitale sociale, e basta. Cancellato il comma per la gestione della flotta aerea e delle risorse tecnologiche già presenti nella Protezione civile; cancellato quello che prevedeva la possibilità di acquisire immobili e partecipazioni; niente possibilità di scegliere "progettazione, la scelta del contraente, la direzione dei lavori, la vigilanza degli interventi strutturali ed infrastrutturali" negli interventi di Protezione civile; respinto il comma che affida a Palazzo Chigi la possibilità di detenere il 100% del pacchetto azionario e quello che affidava al Presidente del Consiglio il potere di scegliere il consiglio di amministrazione dell'ente. Insomma, la Protezione Civile S.p.A. esiste, ma è un guscio vuoto.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©