Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La Procura sequestra anche un assegno da 30 milioni

Puglia: 4 indagati per i derivati venduti alla Regione


Puglia: 4 indagati per i derivati venduti alla Regione
04/02/2010, 09:02

BARI - Proseguono le indagini della Procura di Bari su quella che doveva essere una risistemazione dell'esposizione debitoria delle Regione per pagare meno ed invece ha comportato - secondo il Pubblico Ministero Francesco Bretone - un aggravio di quasi 100 milioni. Allo stato sono indagate quattro persone: Daniele Borrega, di 40 anni, di Taranto, rappresentante della Merrill Lynch (per cui il PM ha chiesto anche l'impossibilità a continuare il suo lavoro di promotore finanziario per due mesi); Susanna Beltramo, di 55 anni, avvocato di Roma, che era stata incaricata dalla Regione di fornire una consulenza legale sull'operazione; Maurizio Pavesi, di 53 anni, anche lui di Roma, rappresentante di Merril Lynch sino al 2000; Claudio Zecchi, di 64, funzionario della Dexia-Crediop di Roma. Secondo l'accusa, i quattro avrebbero convinto la Giunta regionale pugliese a sottoscrivere due bond, da 600 milioni nel 2003 e da 270 milioni nel 2004, convincendoli che così avrebbero risparmiato; in realtà ci sarebbe stato un aggravio di 70 milioni di soli interessi più 24 milioni di spese per l'operazione. Tanto che ieri la Procura ha disposto il sequestro di un assegno da 30 milioni che costituiva la rata del bond che scade sabato 6 febbraio; oltre a porre sotto sequestro altri beni per 73 milioni. Inoltre la Merril Lynch e la Dexia-Crediop potrebbero essere chiamate a rispondere in solido con gli accusati

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©