Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Continuano ad essere verificate le assegnazioni fasulle

Pusher e finto povero: cancellato il reddito di cittadinanza


Di Maio il giorno in cui presentò la card del reddito di cittadinanza
Di Maio il giorno in cui presentò la card del reddito di cittadinanza
11/10/2019, 17:47

LAMEZIA TERME (CATANZARO) - La vicenda di per sè è banale: la Guardia di Finanza di Lamezia Terme perquisisce la casa di un 47enne, sospettato di spaccio di droga. E i sospetti hanno trovato conferma: in casa c'erano 10 grammi di cocaina, alcuni grammi di marijuana e un bilancino di precisione. Immediatamente sono scattate le manette. Ma l'uomo è anche uno di quelli che ha dichiarato un reddito così basso da poter ottenere il reddito di cittadinanza. Ovviamente, come prevede la legge, la concessione del beneficio è stata cancellata. 

Tuttavia, questo non è il primo caso. Oltre il 60% delle persone che avevano cheisto ed ottenuto il reddito di cittadinanza, si è visto che in realtà non ne avevano diritto e che avevano mentito sul loro reddito. I più lavoravano al nero, ma c'è stato anche chi - come il 47enne calabrese in questione - si dedicava al crimine per assicurarsi un reddito. Ma sarebbe sbagliato prendersela solo con loro. La legge è stata fatta con i piedi e andrebbe ripensata daccapo. Non cancellata, perchè è utile come strumento per dare assistenza ai redditi più bassi. Ma ripensarla per evitarne gli abusi, sì. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©